Gabriele Gambuti, prosegue la mostra presso l’Ambasciata sammarinese a Roma … di Simone Sperduto

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Schermata 2016-09-09 alle 23.13.23E’ ancora possibile ammirare, presso gli uffici dell’Ambasciata della Repubblica di San Marino a Roma, le tele dell’artista sammarinese Gabriele Gambuti, in una mostra che per il momento è senza un termine di scadenza. La sede dell’Ambasciata, in via Eleonora Duse nel cuore del noto e raffinato quartiere romano dei Parioli, aveva infatti aperto i battenti già prima dell’estate alle tele del poliedrico artista che vanta numerose mostre personali e collettive dal 1995. Pittore e scultore talentuoso, Gambuti sta dunque esponendo alcune delle tele racchiuse nel catalogo “The Map” presso la sede dell’Ambasciata in un continuum artistico, storico e culturale racchiuso tra una piccola libreria contenente interessanti volumi di storia sammarinese e una serie di fotografie assai suggestive che ritraggono alcuni scorci del paesaggio e dei monumenti più conosciuti di San Marino.

    Per sua stessa natura, infatti, il complesso di opere di “The Map” è concepito come una grande mappa riferibile tanto a un luogo geografico quanto a un luogo mentale. I colori sgargianti delle tele e quelle linee dai contorni così indefinibili riescono a dialogare con lo spettatore ma anche con l’ambiente circostante, in una libertà autentica così scevra da strutture pre-costituite o da limiti prospettici e spazio-temporali. Anche nell’utilizzo dei materiali, Gambuti ci offre una prova di abilità di spessore realizzando una sperimentazione che è quindi non solo tecnica ma anche concettuale. Gesso, acrilici e olio su plastica, piuttosto che acrilici e metalli, «convivono formando una composizione ordinata ed espressiva» e parlano allo spettatore di «un incontro tra culture, differenze e similitudini», come sottolinea lo stesso Gabriele Gambuti nella prefazione al suo catalogo ufficiale.

      

    Simone Sperduto