San Marino. Assegno di Celli non pagato! Ecco altre indiscrezioni…(seconda parte)

La lettera che l’avvocato della Acos2 ha inviato al legale di Celli è molto chiara e ricostruisce in maniera precisa i fatti come si sono accaduti.

Ed è scritto: ”Facendo seguito agli intercorsi colloqui telefonici, inoltro la presente a nome e per conto del Sig. Silvano Orrù (ACOS2) per rappresentare le pretese vantate dal mio assistito nei confronti del Sig. Simone Celli. 

Mi riferisce il mio assistito di aver effettuato numerose e consistenti forniture – attraverso la società ACOS 2 dello stesso rappresentata – alla società, all’epoca legalmente rappresentata da Simone Celli, ”Ristorante Pizzeria Garden di Celli Simone”.

Per ottemperare al pagamento di dette forniture fu rilasciato, a firma dello stesso Simone Celli, al mio assistito (all.n.1) un assegno bancario tratto presso la Cassa di Risparmio della Repubblica di San Marino di importo pari a 12.883,00 euro.

Dopo che il sig. Orrù aveva già provveduto – nel febbraio 2013 – alle procedure bancarie di incasso di detto titolo fu lo stesso Simone Celli a richiedere di voler ritirare l’assegno considerata la mancanza di liquidità disponibile ad onorarlo. Dati i rappresentanti rischi di perdita dei propri beni che sarebbero conseguiti da una procedura di protesto il sig. Orrù acconsentì a ”richiamare” l’assegno dietro la promessa che quegli importi sarebbero stati onorati successivamente (all.2).”

… segue con la terza parte.

Leggi anche

Il Segretario di Stato delle finanze di San Marino lascia assegni impagati ai fornitori di una sua ditta. Sostituito, l’altro assegno è stato protestato.