San Marino. Il processo di oggi. Alla sbarra per riciclaggio di 300mila euro Gianluca Michele Di Muro 32enne originario di Torino ma residente a Malta e la mamma Rosa D’Agnelli.

Oggi al tribunale dei Tavolucci ci sarà un processo per appropriazione indebita e riciclaggio.

Gli imputati sono figlio e madre: Gianluca Michele Di Muro di 32 anni originario di Torino ma residente a Malta (deve rispondere di emissioni di fatture false e di appropriazione indebita di 300.164 euro) e la sua mamma  Rosa D’Agnelli, 57enne originaria di Canosa di Puglia residente a Torino che deve rispondere di riciclaggio e l’occultamento di denari.

Il Di Muro, amministratore unico della Unid srl società sammarinese con sede a Borgo Maggiore, aveva da questa sottratto oltre 300mila euro attraverso l’espediente della registrazione di fatture false (prestazione di servizi di elaborazione dati, volantinaggio e consulenza tecnica fittizi). Questi soldi sono poi stati trasferiti su conti correnti aperti in altre banche sammarinesi per essere poi riutilizzati.

Di Muro deve quindi rispondere di utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e di appropriazione indebita di 300.164 euro. La madre, Rosa D’Agnelli, 57enne originaria di Canosa di Puglia residente a Torino, deve rispondere anche di riciclaggio proprio per l’occultamento di quei denari. Era la D’Agnelli che aveva emesso le fatture false, versato gli assegni ed effettuato i bonifici per poi attuare tutta la truffa nei confronti dell’amministrazione finanziaria.

Oggi il processo.