San Marino. Per il Turismo non si bada a spese (Repubblica Sm)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Dunque sul fronte turismo qualcosa si muove visto che è di qualche giorno fa la notizia – apparsa sulle pagine di questo giornale – dell’approvazione di una delibera da parte del Congresso di Stato che autorizzava la spesa di 40mila euro per la stampa di materiale destinato alla Segreteria del Turismo. Una spesa importante che è altrettanto cruciale possa finalmente sfociare in risultati solidi e che si possano toccare con mano in termini di visitatori qui in Repubblica. Quello del Turismo è infatti il primo settore sul quale strategicamente impegnarsi, è il vero e proprio fiore all’occhiello capace di mettere in secondo piano le tensioni della politica nostrana e le inquietudini di quella internazionale. Sin qui tuttavia non sembrerebbe esser stato fatto molto. E ciò a dispetto dei numerosi richiami partiti non soltanto dalle forze di opposizione ma da quasi tutte le associazioni di categoria che hanno cercato di far intendere a chi sta guidando ora il Turismo che è macchina delicata ma che se non si parte mai ci sono moltissime probabilità di non arrivare da nessuna parte. In passato ad esempio all’arrivo della Pasqua era già tutto pronto, calendario eventi compreso. Invece lo scorso primo aprile si è deliberatamente scelto di non organizzare nulla vista la concomitanza con la cerimonia di insediamento degli eccellentissimi Capitani Reggenti che è comunque durata qualche ora. Sulle ragioni di queste scelte o mancate scelte il Pdcs vuole vederci chiaro tanto che è stata presentata una interpellanza per sapere quando il servizio di consulenza strategica in campo Turistico assegnato alla Società JFC srl a fronte della corresponsione di un compenso complessivo di 139mila euro, sfocerà nell’effettiva realizzazione dell’incarico. Dalla risposta all’interpellanza si evince che “l’attività dovrà essere svolta e completata, attraverso la concertazione e il coinvolgimento di tutti gli stakeholder, entro tre mesi dall’avvio dell’attività, presumibilmente entro aprile 2018”. Ma che con tutta probabilità si accumulerà un mese di ritardo. Molto ravvicinate risultano essere anche le date dei pagamenti visto che la JFC ha ricevuto 38.650mila euro della somma alla firma del contratto, riceverà a fine aprile altri 38.650, 31.200mila a fine luglio e i restanti 31.250 a fine attività. Soldi questi che si aggiungono a quelli percepiti mensilmente dalla Dirigente Nicoletta Corbelli il cui incarico è stato riconfermato lo scorso marzo: lordo mensile 4.420,00 a cui si aggiungono gli oneri diventando 5.626,66. Ancora in via di definizione dunque il calendario eventi che è stato fatto avere in bozza agli interpellanti. Interpellanti che a dire del Segretario Michelotti si starebbero concentrando a battere sempre sugli stessi chiodi rischiando così di ostacolare il lavoro degli uffici della sua Segreteria. E i ritardi a ben vedere – dicono loro – sarebbero anche il frutto della neve e dei tanti impegni dei portatori di interesse con molti dei quali non ci sarebbe ancora stato il tempo di vedersi.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com