San Marino. Polizia civile: ecco i numeri del primo trimestre 2018

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Ecco i principali dati del primo trimestre del 2018 concernenti l’operatività dell’Ufficio infortunistica della Polizia civile.
L’attività di prevenzione e controllo del territorio, con l’attuazione di numerosi e mirati controlli per il rispetto del Codice della Strada, oltreché per la repressione dei reati in genere, ha permesso di deferire all’Autorità Giudiziaria:
n. 5 soggetti per detenzione di sostanze stupefacenti;
n. 5 soggetti per uso di cocaina e marjuana;
n. 24 soggetti per guida in stato di alterazione psicofisica di cui -n. 16 per alcool, n. 6 per
cannabinoidi, n. 2 per cocaina-, in tutti i casi il reato ha comportato la sospensione della patente di guida per un minimo di 30 giorni;
n. 3 soggetti per guida senza patente di guida in quanto mai conseguita;
n. 8 soggetti perché sprovvisti di assicurazione obbligatoria RCA;
n. 1 soggetto sprovvisto di documenti per la compiuta identificazione;
n. 1 soggetto per omessa denuncia su sinistro stradale con danneggiamento di beni
pubblici;
n. 2 soggetti per violenza di genere;
n. 1 soggetto per guida con patente sospesa.
Altresì, sono stati rilevati n. 78 sinistri stradali di cui: n. 58 con lesioni e n. 2 che hanno avuto
esito mortale. Le costanti attività investigative, svolte dai Funzionari di Polizia, hanno permesso di porre in stato di fermo n. 2 soggetti, nell’ambito dell’operazione antidroga di Polizia denominata “aver 40” -per spaccio e uso di sostanze stupefacenti-, che ha visto coinvolti altri soggetti sammarinesi. Questi ultimi denunciati a piede libero.
Inoltre, il continuo monitoraggio sul fenomeno delle truffe alle assicurazioni RCA ha consentito, grazie anche all’ausilio di esclusivo software, di individuare un nuovo gruppo di
persone che, verosimilmente, era dedito a tale attività. Per tali ragioni i soggetti sono statisegnalati alla magistratura. Infine, sono stati individuati i ragazzi che alla guida delle loro biciclette, vestiti con costumi raffiguranti vari personaggi -prete, coniglio, panda e altri-, hanno disceso pericolosamente le strade della Repubblica violando, in alcuni tratti, il Codice della Strada per poi pubblicare i video on-line col pericolo di stimolare un effetto emulazione. Tali condotte di guida hanno messo, in taluni casi, a repentaglio la propria incolumità e l’altrui sicurezza. Per questi motivi, nei confronti di alcuni di essi, si stanno valutando i provvedimenti del caso no n escludendo, qualora se ne ravvisassero gli elementi, il deferimento all’Autorità Giudiziaria.

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com