San Marino. Procedimento Titoli: ”La mano lunga di Confuorti nel redigere i decreti 78-79-80, approvati dal Congresso di domenica sera e alla presenza degli ex Reggenti Mimma Zavoli e Vanessa d’Ambrosio”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

LEGGIAMO DALL’ORDINANZA DEL PROCEDIMENTO TITOLI A FIRMA COMMISSARIO MORSIANI:

”A titolo esemplificativo del grado di interazione, va considerato il messaggio del 07.07.2017, nel quale SIOTTO e Mirella Sommella discutono di aggiustamenti normativi necessari a compiere non meglio specificate operazioni; a riscontro, un messaggio proveniente dall’indirizzo *@adfinancial.net indica espressamente: ‘‘Questo invece è il secondo decreto per le misure urgenti a supporto del sistema. Con osservazioni e proposte di modifica. Al terzo, quello più problematico, perché proprio relativo a operazione Asset-Carisp ci stanno lavorando i miei tecnici ed entro stanotte spero di avere qualche proposta concreta da mettere a disposizione per il CCR di domani e non appena le avrò ve le girerò.”

Premessa la necessità di ulteriori verifiche tramite l’adozione di adeguati riscontri – e fermo restando quanto di seguito più approfonditamente vagliato nel par.9 – va detto che il messaggio si presta a differenti letture, dal momento che la sua cronologia non è univoca, cioè nella vera e propria iniziativa dell’elaborazione di un testo normativo od in una fase di revisione successiva, appare che terzi siano coinvolti nella elaborazioni di disposizioni normative da adottarsi nella Repubblica di San Marino (peraltro, cronologia e contenuti indicherebbero trattarsi del ”pacchetto normativo” introdotto con i decreti nn.78, 79, 80 del luglio 2017, provvedimenti particolarmente sensibili per l’impatto sul sistema bancario, previdenziale e tributario). Ancor meno esplicito il riferimento nella mail dell’11.06.2017, nella quale è scritto: ”Arrivato [dal Segretario] lo vuole condividere oggi con la sua maggioranza non mi sembra adeguato farlo oggi!”.

Appare dunque che attraverso una strumentalizzazione di canali istituzionali cui può accedere (legittimamente) la Direzione di Savorelli, si verifichino in concreto tentativi di ingerire sulla conduzione del confronto politico riguardante non solo la gestione di Banca Centrale ma più in generale nell’impostazione di provvedimenti legislativi funzionali ad operazioni attuate sul sistema sammarinese. La centralità di tali provvedimenti emerge, peraltro anche in considerazione del fatto che la loro elaborazione (o rielaborazione, come nel caso del d.l. 87 del 2017), stimola un confronto istituzionale che, come documentato agli atti, vede in successione anche l’attivo confronto tra le Segreterie competenti e parti qualificate (come i referenti del sistema previdenziale): anche quando tale ulteriore confronto rientra quindi nei binari istituzionali, esso rischia, tuttavia, in determinati casi, di amplificare ulteriormente, seppur inconsapevolmente, il possibile effetto di originali ”impulsi” esterni.”

estratto dell’ordinanza del cd. procedimento Titoli a firma del Commissario Simon Pietro Morsiani

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com