San Marino. “Una vita degna mediante il lavoro” – I fondamenti della visione cristiana del lavoro

L’Istituto Superiore di Scienze Religiose “A. Marvelli” delle Diocesi di Rimini e di San Marino Montefeltro, in collaborazione con l’Ufficio diocesano di Pastorale sociale della Diocesi di San Marino-Montefeltro propongono un ciclo di seminari di studio dedicati a Il senso e la dignità del lavoro oggi. Percorsi di Dottrina sociale della Chiesa. Il primo appuntamento è previsto per Lunedì 11 Dicembre 2017, alle ore 21

Dopo il saluto introduttivo di
S.E. Mons. Andrea Turazzi (Vescovo di San Marino-Montefeltro)
si terrà la relazione
“Una vita degna mediante il lavoro”
I fondamenti della visione cristiana del lavoro
Matteo Prodi
(Economista, docente di Morale Sociale alla Facoltà Teologica dell’Emilia Romagna – Bologna)

Coordinatore:
Gian Luigi Giorgetti
(Responsabile Ufficio diocesano di Pastorale Sociale)

L’incontro si svolgerà presso la Sala Conferenze (sede Vicariato San Marino)
Piazza Filippo da Sterpeto 12 – Domagnano – Repubblica di San Marino

L’obiettivo di questo percorso è quello di riscoprirci figli di una tradizione che ha sempre rivolto un’attenzione particolare al mondo del lavoro, come testimoniato dal magistero della Chiesa, dalla Rerum Novarum di Leone XIII fino alla Evangelii Gaudium di Papa Francesco.
Il punto di partenza è il discorso di Papa Francesco ai lavoratori presso lo stabilimento dell’Ilva di Genova, lo scorso maggio. Le sue riflessioni ci sollecitano a mettere in atto un più approfondito esame sulle diverse problematiche che ruotano attorno alla questione del lavoro in questo particolare momento storico, sociale e politico, nella consapevolezza che «Il lavoro è una priorità umana e pertanto, è una priorità cristiana, una priorità nostra» (Papa Francesco, 27 maggio 2017).
L’intento è inoltre anche quello di recuperare alcune linee-guida emerse in occasione della 48ͣ Settimana Sociale dei Cattolici (svoltasi a Cagliari lo scorso ottobre) dal titolo “Il lavoro che vogliamo: libero, creativo, partecipativo e solidale”.

Gli incontri sono aperti a tutti, si rivolgono in particolare a coloro che sono impegnati in ambito sociale, politico e associativo, in particolare nel mondo del lavoro (imprenditori, sindacati, lavoratori).
Ad ogni incontro è prevista, dopo la relazione principale, l’apertura di un confronto pubblico e di un dibattito sui contenuti proposti.

Comunicato stampa