4, 5, 11 APRILE: LA PASQUA PIU’ BUFFA D’ITALIADOLCIARIA ROVELLI PARTNER DI DOTTOR CLOWN RIMINI

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La Pasqua più buffa d’Italia, è lo slogan che l’Associazione Dottor Clown Rimini ha coniato quest’anno per celebrare la ricorrenza più importante della primavera.

    Grazie alla collaborazione con la Dolciaria Rovelli di Montefiore Conca, i volontari Dottor Clown nelle giornate di sabato 4, domenica 5 e sabato 11 aprile 2009 allestiranno un corner informativo all’interno dei centri commerciali “I Malatesta” e “Le Befane”: scopo degli appuntamenti sarà raccogliere fondi utili al prosieguo dell’attività di volontariato.

    In cambio di “un soldino”, l’offerta è assolutamente libera, quanti si rivolgeranno all’area incontri promossa da Dottor Clown Rimini riceveranno in cambio un piccolo, goloso uovo al cioccolato prodotto dalla Rovelli con tanto di sorpresa. Le uova rimaste – 1000 quelle messe a disposizione – saranno distribuite domenica 12 aprile, Pasqua, all’ospedale “Infermi”.

     

    “Mi trovo onestamente in difficoltà nello spiegare alle persone perché scegliere noi piuttosto che altre associazioni di volontariato – dice Fabio Fabbrucci, fondatore e presidente di Dottor Clown Rimini – . Il primo invito che mi sento di spendere è sensibilizzare le persone alla causa del volontariato in genere. Vorrei che i più non si facessero fuorviare da brutte esperienze o luoghi comuni che a noi non appartengono. Non guardiamo solo al proprio bene personale. E’ importante nutrire fiducia in chi ci sta accanto, uomini o associazioni che siano”.

    Aiutare Dottor Clown Rimini (l’associazione è stata fondata ufficialmente nel 2006 anche se attiva già dal 2003) vuol dire sostenere un’associazione all’interno della quale la formazione e la promozione della sorriso-terapia camminano di pari passo. Dottor Clown è attiva in modo costante in tutti i reparti pediatrici dell’ospedale “Infermi”. I nostri 60 volontari coprono 3 turni settimanali in corsia garantendo 2000 ore-uomo all’anno di servizio. A ciò si aggiungono la parte formativa, il periodico ampliamento dell’organico, l’incremento della presenza – da 3 anni a questa parte – anche in ambiti extraospedalieri ad iniziare dalle scuole di ogni ordine e grado. Il nostro sogno? Desideriamo crescere ancora, formando nuovi volontari capaci nei metodi e grandi nel cuore”.

     

    Degli attuali 60 soci, 25 hanno ricevuto il “diploma” alla fine del corso 2008/2009; 12 i soci fondatori; 20 i soci responsabili di turno impegnati a supervisionare e coordinare i servizi in corsia.