A Modena l’odio anti-Salvini: scatta la sassaiola sulla polizia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il comizio del ministro dell’Interno scatena i centri sociali. Insulti e lancio di sassi. Gli agenti rispondono con una carica

Il tour elettorale di Matteo Salvini in Emilia Romagna si colora con le tinte degli scontri.

Dopo aver girato Fidenza, Reggio Emilia e altre città emiliane, il ministro dell’Interno è approdato a Modena e qui sono esplose, puntuali, le proteste. I poliziotti hanno dovuto reagire con una carica di alleggerimento alla sassaiola scatenata dagli “antifascisti”.

Sono momenti di tensione, visto che per oggi sono previste due manifestazioni distinte contro l’arrivo di Salvini. Un centinaio di attivisti dei centri sociali hanno lanciato sassi e oggetti contro il cordone di polizia schierato all’altezza del parco di Novi Sad, dove è previsto il comizio del vicepremier leghista. Al momento un manifestante è già stato fermato e caricato su una delle volanti delle forze dell’ordine. “Quattro zecche dei centri sociali che fanno casino“, ha replicato Salvini che poi ha invitato i cameramen a salire sul palco per riprendere la piazza. “Questa è la vera Modena non quattro zecche del centro sociale“. Dal fondo della piazza è così partito qualche fischio. “Non ci sono più i compagni di una volta – ha detto il leader della Lega – Hanno perso la voce, hanno fatto tardi ieri sera al centro sociale. Meno canne e più uovo sbattuto della nonna che state meglio“.

Le contestazioni contro il ministro vanno avanti da giorni. Soprattutto in Emilia. Ieri a Ferrara sono apparse scritte minatorie nei sui confronti. “C’è qualcuno che è un pò nervoso: stanotte sui muri di Modena e Ferrara hanno scritto ‘Salvini muori’, ‘Salvini appeso’… – ha detto il ministro da Fidenza – se alla sinistra rimangono gli insulti e le minacce, A mi allungano la vita e B, mi danno la voglia di andare avanti come un treno…“. A Reggio Emilia alcuni ragazzi hanno esposto uno striscione con la scritta “Mai con Salvini” al fianco di una bandiera europea. Uno dei contestatori gli ha anche fatto il gesto del dito medio. “Ti voglio bene amico mio, ma la mamma non ti ha insegnato che il dito medio è da maleducato? – ha replicato il segretario del Carroccio – Hai la mamma un pò distratta…Un abbraccio anche ai miei amici di sinistra, un bacione e pane e Nutella…“.

Il Giornale.it

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com