A Roma una tavola rotonda dedicata al ‘metodo’ di Aldo Biscardi

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 29 APR – Successo di pubblico e partecipanti
    alla tavola rotonda dal titolo lo ‘Sport dall’informazione
    all’entertainment, al sociale, dal metodo al brand Biscardi ai
    media digitali’, organizzata in occasione del premio intitolato
    ad Aldo Biscardi per la comunicazione e lo sport, in
    collaborazione con il master in marketing e management dello
    sport, master economia e management della comunicazione e dei
    media dell’università di Roma Tor Vergata. Sono intervenuti, fra
    gli altri, il magnifico rettore dell’università degli studi di
    Roma Tor Vergata, Orazio Schillaci, e Giovanni Carnevali, ad del
    Sassuolo.
        Aldo Biscardi è stato un innovatore nella comunicazione
    sportiva e non solo. Con l’invenzione de Processo del lunedì e
    poi del Processo di Biscardi ha sperimentato, rivisitando schemi
    tradizionali, elaborando un vero e proprio metodo comunicativo e
    creando un brand. L’intento della tavola rotonda era quello di
    dare una risposta ai tanti giovani che, nel corso degli anni,
    hanno chiesto di affrontare il giornalismo e la comunicazione
    proprio come faceva Aldo, con un metodo ed entusiasmo senza
    eguali, creando un nuovo linguaggio e portando l’entertainment
    nel mondo dell’informazione sportiva. La tavola totonda, con
    esperti di comunicazione, mass-mediologi e autori tv ha
    analizzato proprio questi temi. “Aldo Biscardi è entrato nelle
    nostre case e nell’immaginario collettivo, esplorando orizzonti
    inediti che hanno fatto scuola”, ha detto il presidente del
    Coni, Giovanni Malagò. “Ringrazio chi ha partecipato e
    organizzato la tavola rotonda, un evento che ha ricordato Aldo
    Biscardi, il suo metodo e le sue idee, confrontandole con i
    tempi moderni e le nuove frontiere della video-comunicazione”,
    ha concluso Antonella, Biscardi, figlia del giornalista e
    presentatore tv. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte