Adescava minori sul web e li stuprava: arrestato 48enne. «Li aspettava al buio travestito da donna»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Avrebbe usato un falso profilo femminile per adescare in rete quattro minorenni, attirandoli a casa sua a Saronno, nel varesotto, dove li attendeva al buio travestito da donna: per questo un operaio di 48 anni è stato arrestato dai carabinieri che hanno eseguito un’ordinanza di custodia in carcere emessa dal gip di Milano. Le accuse sono gravissime: il 48enne è finito in manette per violenza sessuale su minori aggravata dalla sostituzione di persone, adescamento e detenzione di materiale pedopornografico.

    L’uomo, Gino Gatti, 48 anni, secondo le accuse, li adescava su Facebook, utilizzando il profilo falso e avvenente di una donna, poi prometteva loro un incontro sessuale in cambio di foto che li induceva a inviare in chat. Infine li attirava a casa sua, dove indossando una parrucca rossa e parlando in falsetto, rimanendo costantemente al buio, abusava di loro.

    Gatti è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo Operativo della cittadina del varesotto, al termine di un’indagine coordinata dalla Procura di Milano (come previsto in casi di violenza sessuale su minori). Tre i ragazzi di età compresa tra i 15 e i 17 anni, finiti con certezza nella rete dell’uomo. A far partire le indagini dei militari è stato l’intervento di una pattuglia a casa di Gatti, lo scorso agosto, dove stava litigando con il padre di uno dei minori che aveva scoperto come l’uomo stesse adescando suo figlio. Dall’inchiesta è poi emerso come tra il 2016 e il 2018 il 48enne aveva già adescato altri tre minori. Leggo