Al Filmmaker Festival, vince il regista Sylvain George

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – MILANO, 27 NOV – Nel corso della cerimonia di
    premiazione, che si è tenuta stasera all’Arcobaleno Filmcenter
    di Milano, le giurie dei concorsi ‘Internazionale’ e ‘Prospettive’ e il comitato di selezione del premio ‘Gradi di
    libertà’, hanno proclamato i vincitori di Filmmaker Festival
    2022.
        La giuria del Concorso Internazionale composta da Yuri
    Ancarani, Gaia Formenti e Monica Stambrini ha assegnato il
    Premio Filmmaker a ‘Nuit Obscure – Feuillets Sauvages’ di
    Sylvain George. Premio della giuria a ‘Hardly Working’ di Total
    Refusal. La giuria Giovani, coordinata da Antonio Pezzuto, ha
    assegnato il premio a ‘On a eu la journée, bonsoir’ di Narimane
    Mari.
        Il Premio Prospettive è stato assegnato ad ‘Acasa’ di Rebecca
    Grigore, mentre il Premio Nicola Curzio è andato a ‘Racconto’ di
    Giulio Melani. Menzione speciale per ‘Ama osa’ di Marija
    Stefanija Linuza.
        Il Premio Gradi di libertà è andato a ‘Mono’ di Chiara
    Troisi, mentre il Premio Rai Cinema Channel, consistente in un
    contratto di acquisto dei diritti web del corto per la durata di
    tre anni da parte di Rai Cinema, è stato assegnato ad ‘Affiorare’ di Rossella Schillaci.
        Filmmaker, dal 1980 punto di riferimento per il cinema
    documentario e di ricerca, nell’edizione numero 42 ha presentato
    78 titoli da 20 paesi di cui 25 prime mondiali e 16 italiane. La
    programmazione prosegue fino a domani con le ultime proiezioni
    della retrospettiva dedicata a Ruth Beckermann. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte