Alan Kurdi. L’Ong si arrende a Salvini: “Portiamo i migranti a Malta”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Il Viminale firma il divieto di transito. La Alan Kurdi ferma davanti a Lampedusa si arrende e ora fa rotta verso La Valletta.

La Alan Kurdi ruota il timone e fa rotta su Malta. Dopo il divieto di ingresso in acque italiane firmato dal ministro Salvini, l’Ong che stazionava a 20 miglia di distanza da Lampedusa ha preso “autonomamente” la decisione di puntare su La Valletta.

Queste sono le persone da cui l’Italia deve proteggersi. Si chiama Djokovic, come un giocatore di tennis europeo. In Libia ha subito una ferita da arma da fuoco. Dovremmo riportarlo lì? Lo stiamo portando a Malta ora“, scrive Gordon Isler, portavoce di Sea Eye, su twitter postando la foto di un bambini di 4 anni. A bordo della nave ci sono 40 persone, tra cui 15 minori oltre a una donna incinta. L’Ong dopo averli recuperati al largo della Libia ha rifiutato lo sbarco a Tripoli e si è diretta verso l’Italia chiedendo un porto sicuro di sbarco. Richiesta respinta da Roma, che aveva invitato l’Ong a rivolgersi a Malta che avrebbe potuto inviare un medico in caso di emergenza sulla Alan Kurdi.

La vicenda questa volta non si concluderà con il più classico (ormai) dei bracci di ferro tra Italia e Ong. “Non offriremo a Matteo Salvini – sottolinea Gorden Isler – un’altra occasione per uno show così indegno. Prendiamo sul serio le nostre responsabilità verso le persone salvate e ora andiamo a Malta. Abbiamo ancora a disposizione il diesel necessario per arrivarci e possiamo quindi prendere questa decisione autonomamente“. È sempre a La Valletta che in fondo si era concluso lo sbarco dei 65 migranti dopo il braccio di ferro dello scorso luglio.

Intanto l’Europa si è attivata per trovare una soluzione europea allo sbarco degli immigrati. “Il ruolo della Commissione europea è quello di essere sempre costruttiva con tutti gli Stati membri e di cercare soluzioni per dare sostegno agli Stati membri che ne hanno bisogno – spiega la portavoce Mina Andreeva – Quello che posso dire è che ieri la Commissione ha avviato i contatti per sostenere e coordinare gli Stati membri che vogliono partecipare agli sforzi di solidarietà per quanto riguarda i migranti che sono a bordo dell’Alan Kurdi. Questi contatti stanno andando avanti, ci sono già alcuni Stati membri che hanno mostrato interesse ad accettare i ricollocamenti, ma non sta a noi fornire i dettagli“.

Ieri era esploso un nuovo scontro politico tra Italia e Germania. Berlino infatti aveva tentato quello che Salvini ha definito un “ricatto”: “Dal governo tedesco sono arrivati segnali pessimi – aveva spiegato il ministro – mi hanno girato una mail, che arriva dalla Commissione europea, in cui sostanzialmente c’è un ricatto da parte del Governo tedesco, così io traduco, che si era impegnato a prendere 30 immigrati sbarcati dalla Gregoretti. Adesso pare che scrivano: noi prendiamo quei 30 se voi fate sbarcare i 40 che sono a bordo della nave che si sta avvicinando a Lampedusa. Stiamo giovando a cosa, a rubamazzo? Basta, mi sono rotto le palle“.

Il Giornale.it
  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com