Alt dell’Antitrust, tassa Airbnb rischia di danneggiare utenti

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La cosiddetta tassa Airbnb, cioè la cedolare secca sugli affitti brevi al 21% introdotta con la manovra bis, “appare potenzialmente idonea ad alterare le dinamiche concorrenziali tra i diversi operatori, con possibili ricadute negative sui consumatori finali dei servizi di locazione breve”.

    Pur riconoscendo che l’obiettivo della norma è “contrastare il fenomeno dell’evasione”, l’Autorità Antitrust prende posizione sul tema in una segnalazione ai presidenti di Camera e Senato, al ministero dell’Economia e all’Agenzia delle Entrate.