Asset, Ercolani ribadisce: “Banca Centrale è intervenuta ed in seguito ha cercato le motivazioni per giustificare il commissariamento”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Riceviamo e pubblichiamo

    Rispondo volentieri all’articolo di oggi pubblicato su l’Informazione in merito alla relazione del Collegio Sindacale di Asset Banca ribadendo che:


    • le normative bancarie sammarinesi non impediscono di finanziare i soci
    della Banca. OCCORRE però detrarre l’importo dell’affidamento o delle azioni sottoscritte dal socio dal patrimonio della Banca. E questa detrazione avveniva PUNTUALMENTE in  Asset Banca nei casi specifici previsti dalla normativa;
    • il corposo contratto di finanziamento prevedeva garanzie prestate dal gruppo, oggetto dell’articolo, tramite fideiussioni sottoscritte da persone dotate di ingenti capitali e ben patrimonializzate. Le obbligazioni, in linea con il tipo di contratto stabilito, rappresentavano e garantivano un flusso cedolare di considerevole importo;• al momento del finanziamento il gruppo  faceva capo ad imprenditori di elevato standing molto stimati da decenni nel settore di competenza;

    • il contratto di finanziamento è stato supportato, oltre che da più organi interni in ausilio al Consiglio di amministrazione, anche dal lavoro di stimati e competenti professionisti presenti sulla piazza e non  solo;

    • sottolineo con forza che NON SI PUÒ COMMISSARIARE una Banca, con tutto quello che comporta e senza convocare un’ assemblea dei soci,  in assenza di motivazioni ben precise. Banca Centrale è intervenuta ed in seguito ha cercato le motivazioni per giustificare il commissariamento.

    Stefano Ercolani ex Presidente di Asset Banca