Associazione, solo 5% affidi a coppie omosessuali 15% a single

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 05 DIC – Da marzo 2017 a oggi l’associazione
    M’aMa-Dalla Parte dei Bambini – nata per promuovere la cultura
    dell’affido e dell’adozione – su mandato di Servizi sociali e
    Tribunali dell’intero territorio nazionale ha collocato in
    famiglie affidatarie/adottive 180 minori con bisogni speciali.
        Solo il 5% di queste erano coppie omosessuali, e solo il 15%
    single.
        M’aMa ha un database nazionale di 5000 famiglie affidatarie
    di cui il 25% è costituito da coppie dello stesso sesso e
    single, target inutilizzato dagli Enti che hanno in carico i
    minori.
        “A questo punto preghiamo le Istituzioni, nel rispetto di
    quei minori che scrivono al Giudice di volere festeggiare il
    loro 18° compleanno nella “normalità di una casa” e non in una
    comunità, di prendere atto delle diverse forme familiari
    esistenti (omo e monogenitoriali) per garantire ad ogni bambino
    il diritto di crescere nella famiglia giusta per lui.
        La struttura familiare non ha nulla a che fare con la capacità
    genitoriale. E’ vero, il bambino ha bisogno di far riferimento
    al ruolo paterno e a quello materno ma non è detto che questi si
    identifichino necessariamente con il genere maschile e quello
    femminile”, dicono le promotrici della rete delle ‘Mamme Matte’.
        Per questo M’ama invita le ‘famiglie matte’ in coppia
    omossessuale o single ad iscriversi al gruppo Fb single, gay e
    affido-affidiamoci reteMammeMatte quale spazio virtuale e
    protetto di confronto operativo. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte