Auto: l’Aci è la prima Pa per engagement su tutti i social

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 19 GEN – L’Automobile Club d’Italia è la prima
    PA nell’engagement su Facebook, Instagram, Linkedin e Twitter,
    mentre il numero di cittadini italiani iscritti ai servizi ACI
    della APP “IO” ha superato i 10 milioni: due risultati che
    dimostrano come l’ACI rappresenti una delle punte più avanzate
    dell’intero sistema della PA italiana, sia in tema di
    digitalizzazione, che di appeal e capacità di dialogo con i
    social media più diffusi. Questi gli ID delle pagine ACI: FB
    @acisocialclub, IG @automobileclubditalia, TW @ACI_Italia, LI
    Automobile Club d’Italia.
        “Le persone – ha dichiarato Ludovico Fois, Consigliere per le
    Relazioni Esterne e Istituzionali Responsabile della
    Comunicazione ACI – sono al centro della nostra strategia di
    comunicazione ed è per questo che ci siamo impegnati sempre di
    più sulla presenza digitale, semplificando il linguaggio e
    ampliando il numero di canali, social e app in particolare”.
        “Vogliamo parlare alla gente in modo chiaro – ha spiegato Fois –
    coinvolgere tutti nelle nostre campagne di sicurezza stradale,
    chiedere la loro opinione sui cambiamenti della mobilità.
        Vogliamo sapere, in tempo reale, come la pensano, per portare
    avanti i loro interessi”.
        “L’ACI ha sposato con entusiasmo il programma europeo e
    nazionale dell’agenda digitale – ha dichiarato Vincenzo Pensa,
    Direttore Sistemi Informativi e Innovazione ACI. Ha completato
    ancor più velocemente un percorso di trasformazione avviato con
    l’obiettivo di contribuire al progetto strategico del Paese,
    offrendo ai cittadini servizi digitali puntuali e di qualità”.
        “L’adesione a questo ambizioso programma – ha sottolineato Pensa
    – ha portato ad una forte presenza sulle piattaforme di servizi
    digitali nazionali, come l’app IO, che l’ACI, con la quantità e
    capillarità dei propri contatti, ha contribuito a lanciare e far
    crescere”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte