Auto: quinto podio stagionale per Arduini e Bodega nell’ATCC

  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 16 GIU – E’ arrivato a Vallelunga il quinto
    podio stagionale per Massimo Arduini e Giuseppe Bodega
    nell’ATCC, che sul tracciato romano hanno conquistato la
    medaglia di bronzo al termine di un’entusiasmante seconda
    manche. Forti emozioni anche in Gara 1, dove la Peugeot 308TCR
    ha esaltato gli appassionati con una convincente rimonta dalla
    nona alla quarta posizione tra le Turismo.
        Dopo aver fatto segnare il primo tempo nelle prove libere,
    Arduini-Bodega sono stati penalizzati dalla direzione gara nelle
    qualifiche e quindi si sono visti costretti a partire dalla nona
    casella sullo schieramento. La prima corsa ha visto Arduini
    scattare come un leone e guadagnare subito quattro posizioni,
    per poi installarsi al quarto posto dopo uno spettacolare
    sorpasso all’esterno su Trentin.
        Nonostante un emozionante traverso a oltre 200km/h al famigerato
    Curvone, Arduini è transitato al quinto posto sotto la bandiera
    a scacchi, quarto tra le vetture Turismo, portando a casa punti
    importanti per il campionato.
        Nella manche del pomeriggio è stato Bodega a tenere tutti
    incollati allo schermo, grazie ad una gara corsa tutta
    all’attacco. Il pilota di Lecco, scattato dalla quinta piazzola
    sulla griglia di partenza, ha ben presto conquistato la seconda
    posizione, mettendosi alla caccia del leader. E’ stato di nuovo
    il “Curvone” a tenere tutti con il fiato sospeso, quando anche
    Bodega è stato costretto ad un recupero in extremis nuovamente
    ad oltre 200km/h, manovra che gli è costata una posizione
    ma non il podio, chiudendo così la gara al terzo posto.
        Grazie a cinque podi in sei gare, Arduini e Bodega occupano
    saldamente la seconda posizione in campionato. Il prossimo round
    dell’ATCC è in programma sul tracciato di Misano il 3 e 4 luglio
    prossimi. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte