Auto:Suzuki Cross Country; in Valtiberina riparte campionato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 06 AGO – Sabato 8 e domenica 9 agosto riparte il Campionato Italiano Cross Country e si riaccende un doppio semaforo verde Suzuki Italia. Da un lato, la corsa al titolo assoluto con il driver della squadra ufficiale Lorenzo Codecà, dall’altra il Suzuki Challenge. Il brianzolo è pronto a lanciarsi nella mischia ancora una volta e sarà nuovamente l’uomo da battere. Tornerà nella massima serie sempre su Suzuki Gran Vitata 3.6 V6 benzina di Gruppo T1, la vettura che lo ha accompagnato fedelmente sin dal primo Campionato Italiano vinto insieme nel 2008. Una coppia che ha prodotto una serie di successi da record e che per il 2020 punterà a portare a Suzuki il nono tricolore assoluto e terzo consecutivo dopo le vittorie 2018 e 2019. La novità sarà alla destra di Codecà, rappresentata dal navigatore friulano Mauro Toffoli.
        “Partiamo anche quest’anno comunque, logicamente, sempre per difendere il titolo – afferma Lorenzo Codecà – Affronteremo il Campionato puntando al massimo della posta ad ogni gara. Non possiamo ragionare diversamente. Ma le insidie e le variabili non mancheranno, dato che quest’anno ci sono due novità importanti. Sia il Valtiberina che il Tuscan non l’abbiamo mai affrontate come gare, quindi saranno tutte da scoprire per noi del Cross Country. Questa stagione è basata su settori con terreno prettamente rallistico, molto più veloci”.
        Il percorso del Cross Country Valtiberina prevede 405,73 km complessivi, dei quali 70 km divisi su 7 prove speciali.
        L’atmosfera inizierà a scaldarsi sabato 8, con lo shakedown previsto nella mattinata. Il primo crono è previsto per le ore 15.04 con la PS “S. Martino in Grania” (5,95km) che anticiperà la “Monte S.Marie” (10,96km). Entrambe le prove verranno ripetute una volta prima dell’intervallo di gara. Si ripartirà poi nella giornata di domenica 9 dalle ore 8.44 con il primo dei tre passaggi sulla “Alpi di Poti” (12,06km), il tratto cronometrato più lungo che deciderà le sorti della gara.
        L’arrivo è programmato a partire dalle ore 16.00.
        Il Valtiberina sarà il primo dei quattro round in calendario.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte