Basilica del Santo gremitissima..

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Una Basilica del Santo gremita come accade solo nelle grandi occasioni. La celebrazione solenne officiata da Monsignor Luigi Negri, Vescovo della Diocesi di San Marino-Montefeltro e accompagnata dalla musica di Mozart eseguita dall’orchestra Camerata del Titano ha saputo suscitare nel pubblico intervenuto grandi emozioni ed ha offerto, cosa inusuale per San Marino, un momento di grande cultura e fede come nella più radicata tradizione cristiana europea.

     

    La messa in Do Magg. K258 di Mozart insieme al ‘Veni Sancte Spiritus’, ‘Sub Tuum Praesidium’ e all”Ave Verum Corpus’ hanno punteggiato una celebrazione solenne della Messa di Ognissanti a cui hanno presenziato in forma privata gli Eccellentissimi Capitani Reggenti, diverse personalità politiche di San Marino e un pubblico che ha apprezzato con un caloroso applauso la scelta operata dal Direttore Artistico della Rassega Musicale d’Autunno M° Augusto Ciavatta.

    Insieme all’orchestra Camerata del Titano di San Marino, protagonista dell’evento è stato il Coro Pian di Carpine di Magione (PG) diretto da Daniela Rossi. Il complesso è composto da 30 giovani cantanti accomunati da una vera e sincera passione per la musica polifonica, che in questa occasione sono riusciti ad esprimere un livello artistico e timbrico di straordinaria qualità.

     fonte: romagnaoggi.com

     

    La Messa in Do Magg. e le altre composizione hanno visto la partecipazione di solisti di grande talento come il soprano riminese Monica Boschetti, il mezzosoprano Damiana Pinti, il tenore Paolo Macedonio e il baritono Massimo Pagano; solisti che hanno saputo rendere in maniera eccellente la varie sfumature delle partiture mozartiane.

     

    Il concerto accompagnato dall’Orchestra Camerata del Titano diretta dal M° Augusto Ciavatta ha tessuto perfettamente la trama di tutti questi fili ricchi di pathos, entusiasmando il folto pubblico presente. Il successo dell’evento sta a dimostrare, semmai ci fosse la necessità di ulteriori conferme che è possibile entrare nell’interesse della gente, pronta ad aprirsi se se stimolata da iniziative intelligenti e, in questo specifico caso, sollecitata verso un momento più intimista e religioso.