Bonus edicole; voto favorevole del consigliere regionale Pompignoli al progetto di legge che intende valorizzare lo sviluppo e il valore di queste attività. Sfuma l’approvazione del suo emendamento che ne aumentava la dotazione finanziaria da 500mila € a 1milione di €

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Bologna, 20 ottobre. “È una vittoria parziale quella di oggi, che riconosce il ruolo e la valenza territoriale di questi presidi, elemento essenziale nello sviluppo della cultura dell’informazione e dei servizi ai cittadini. Parziale perché sebbene se ne condivida la ratio e le finalità, il progetto di legge discusso questo pomeriggio in commissione politiche economiche e riguardante l’erogazione di un contributo regionale “integrativo” al “Bonus una tantum edicole” di cui all’articolo 189 del decreto legge n. 34 del 2020, è a nostro avviso insufficiente sotto il profilo della sua copertura finanziaria”.
    È il consigliere regionale Massimiliano Pompignoli, firmatario dell’emendamento insieme al relatore di minoranza Gabriele Delmonte, a commentare l’approvazione all’unanimità del progetto di legge recante: “Interventi urgenti a favore dei gestori di edicole”, che verrà discusso nel corso della prossima assemblea legislativa.
    “Per la concessione di detti contributi, infatti, la Regione ha previsto in bilancio un importo nel limite massimo di euro 500.000,00 per l’esercizio finanziario 2020. Con il nostro emendamento (IN ALLEGATO) si intendeva aumentare il plafond di risorse da destinare a queste attività. Il sistema delle nostre edicole, infatti, è stato pronto ad offrire il proprio servizio anche in momenti difficili, come quello generato dagli effetti del COVID-19, correndo anche seri rischi connessi alla presenza di utenti. Va quindi riconosciuta l’importanza della funzione informativa e di coesione sociale esercitata da queste attività durante la fase di emergenza causata dal virus. Resta il rammarico di non aver intercettato il parere favorevole della maggioranza rispetto all’aumento della copertura finanziaria per la corrente annualità. La valenza dei contributi erogati ad ogni singolo edicolante sarebbe stata maggiore. Ciò, in ogni caso, non mi ha impedito di votare favorevolmente al testo dell’articolato di cui come Lega condividiamo gli obiettivi”.

    Ufficio Stampa Lega Romagna