Cadavere ripescato in mare Sardegna, forse è un migrante

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – CAGLIARI, 13 AGO – Una catenina con un ciondolo a forma di chiave e un tatuaggio con la scritta “Only God Can Judge me” ( “solo Dio può giudicarmi”) con vicino il simbolo dell’infinito. Sono questi alcuni degli elementi trovati sul cadavere ripescato a largo di Teulada, nel sud Sardegna, due giorni fa. Il corpo, probabilmente di un uomo forse un migrante, non è stato ancora identificato. Proprio per questa ragione sono stati diffusi alcuni particolari che possano facilitare il riconoscimento. Il cadavere avvistato da una motovedetta dell’Esercito impegnata nella routine del poligono militare di Teulada, è stato poi ripescato da una motovedetta del Reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza che lo ha trasportato in porto a Sant’Antioco. Il corpo è stato trasferito all’ospedale di Carbonia a disposizione del medico legale Luca Natali che si sta occupando degli accertamenti autoptici. L’uomo indossava una polo blu “Lacoste”, una tshirt rossa “Nike”, una canotta bianca di cotone, un boxer nero ed un paio di calze “Armani”. Inoltre, dalla prima analisi effettuata dal medico legale, è stato accertato che il soggetto era alto circa un metro e 81 centimetri. Le forze dell’ordine hanno lanciato un appello a chiunque avesse informazioni utili al riconoscimento: “contattateci”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte