Calcagno: “Servono soluzioni condivise per la ripresa”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 25 MAG – “L’orario delle 16,30 per le partite estive è sbagliato e siamo contrari. Inoltre giocare ogni tre giorni sottoporrà i calciatori a rischi maggiori da un punto di vista fisico, oltre alle criticità legate alla quarantena forzata, nel caso di una positività, prevista tuttora nei protocolli”. Lo afferma il vicepresidente dell’Aic, Umberto Calcagno.
        “Per quanto riguarda le norme di iscrizione ai campionati” – ha proseguito ai microfoni di Mediaset – non si riescono a trovare soluzioni condivise: spostare il controllo dei pagamenti degli emolumenti rischia di lasciare molti calciatori senza stipendio per cinque mesi. Fare le cause sui pagamenti degli stipendi di marzo e aprile non è la chiave giusta per noi. Sotto questo punto di vista” – ha concluso – “non si sta creando l’ambiente migliore per la ripresa”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte