Calcio: Cagliari avvisa Toro, “voglia di grande prestazione”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – CAGLIARI, 17 OTT – Rossoblu a un punto in tre
    partite, granata ancora a zero in due gare. E allora
    Torino-Cagliari diventa un match fondamentale per piazzare il
    primo scatto e allontanarsi dagli ultimi posti in classifica.
        Contro la squadra dell’ex Giampaolo, Di Francesco ritrova gli
    undici giocatori prestati durante la sosta per le gare delle
    nazionali, dall’Italia al Sudamerica passando per l’Africa. E
    dalle loro condizioni dipenderanno le scelte iniziali del
    tecnico: sicuri Godin e Nandez, c’è invece ballottaggio tra
    Simeone e Pavoletti. Con il Cholito però in vantaggio.
        Sarà per la seconda volta di fila 4-2-3-1 e la formazione
    molto simile a quella schierata con l’Atalanta prima dello stop.
        “Mi posso discostare dal 4-3-3 – ha spiegato Di Francesco – se
    questo può essere utile ad adattarsi alle caratteristiche dei
    giocatori. L’ho già fatto anche in passato”. Il riferimento è
    anche a Joao Pedro. “Sta crescendo – ha detto il tecnico – e
    l’ho visto molto bene in allenamento: farà una grande gara. In
    generale ho visto questi giorni una squadra che vuole fare una
    grande prestazione e che ha voglia di fare punti”. Tre partite,
    solo un pari: “C’è mancata la continuità – ha insistito
    l’allenatore – anche con l’Atalanta ho visto bel gioco e
    aggressività solo a momenti, chiedo più minuti di quel livello”.
        Difficile l’inserimento del nuovo acquisto Ounas dal primo
    minuto. Sulla fascia è pronto ancora Sottil: “Sta crescendo –
    questo il giudizio del tecnico – ma deve rimanere più lucido e
    freddo sotto porta”. Di Francesco blocca sul nascere la
    possibilità di vedere insieme Ounas e lo stesso Sottil. “Troppi
    quattro giocatori offensivi”. Qualche dubbio in difesa perché
    Walukiewicz è tornato solo ieri dalle gare con la nazionale
    polacca e sulla destra c’è sempre Faragó a giocarsi il posto con
    Zappa. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte