Calcio: Cagliari senza Godin a Firenze a caccia di conferme

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – CAGLIARI, 23 OTT – Il Cagliari cerca conferme e via
    di uscita dalla zona retrocessione. La partita della possibile
    svolta è domani al Franchi con la Fiorentina, la squadra che ha
    lanciato Mazzarri da giocatore. Per il tecnico rossoblu un
    grosso problema da risolvere: contro Vlahovic deve reinventarsi
    la difesa per il forfait di Godin e il mancato recupero di
    Walukiewicz. In casa viola bottino di soli tre punti. “Un caso –
    ha detto Mazzarri nell’incontro stampa della vigilia – la
    squadra gioca bene. È una partita difficile, ma noi dobbiamo
    fare il nostro calcio, essere più fluidi nella fase di
    possesso”.
        Molte assenze, tra queste anche quella dell’ex Dalbert. “Non
    mi piace parlare di chi non c’è – ha chiarito il tecnico – ma
    chi gioca deve fare bene. E dobbiamo essere sempre più squadra,
    cercare di fare male a tutti indipendentemente da chi abbiamo
    davanti”. Un Cagliari che si trasforma. “Anche Nandez sta
    facendo cose diverse – ha ricordato l’allenatore – può giocare
    in diversi ruoli, per domani ho un’idea ma non la svelo. Per il
    resto stiamo crescendo, ma gli automatismi possono migliorare di
    partita in partita”. La squadra dovrà stare attenta anche agli
    episodi. “Con la Sampdoria abbiamo fatto buone cose ma ci è
    andata anche bene – ha ammesso – Bisogna puntare sulla
    prestazione per far girare gli episodi dalla nostra parte”. Con
    la prima vittoria morale più alto. “Viviamo di risultati le
    facce sono più serene – ha confermato Mazzarri – Ma non dobbiamo
    pensare che questa vittoria ci abbia fatto diventare
    invincibili: anch’io sono curioso di vedere come si comporterà
    la squadra. Ho preparato diverse soluzioni, ma non posso
    anticipare moduli”.
        Pavoletti? “Al momento il Cagliari non può permettersi tre
    punte – ha spiegato – I due che giocano stanno facendo bene, ma
    ogni volta che posso io Pavoletti lo metto dentro. È importante
    rispettare gli equilibri per non sbandare. Farias? Sta facendo
    bene in allenamento: ha delle caratteristiche buone per entrare
    in partita in corso, lo tengo in considerazione”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte