Capaci, Orlando diserta ricordo. Salvini: “È solo un poveraccio”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • È bufera sulla cerimonia per l’anniversario della strage in cui morì Falcone. Orlando e Fava: “C’è Salvini, non andiamo”. Il ministro: “Sbagliato dividersi, sono poveracci”

    In clima elettorale, pure l’anniversario di una strage diventa occasione per dare addosso all’avversario.

    Lo fa soprattutto Leoluca Orlando, ormai da mesi in protesta perenne contro Matteo Salvini, che ha deciso di alzarsi e andarsene quando il ministro dell’Interno ha preso parte alla cerimonia di commemorazione per l’attentato di Capaci in cui perse la vita Giovanni Falcone.

    “Mi ero augurato che qualsiasi presenza istituzionale oggi a Palermo e all’Aula Bunker non si trasformasse in occasione per comizi pre-elettorali”, ha detto il sindaco di Palermo abbandonanto l’aula-bunker, “Ho appreso che purtroppo non sarà così col previsto intervento di chi solo tre giorni fa ha attaccato i magistrati siciliani”. Come lui purei il presidente della Commissione regionale antimafia Claudio Fava che già aveva annunciato la sua assenza. “Preferisco andare a Capaci, nel luogo in cui tutto accadde, preferisco stare assieme a chi non ama le messe cantate sui morti”, aveva anticipato su Facebook, “Hanno trasformato il ricordo del giudice Falcone nel festino di Santa Rosalia”.

    Parole a cui il ministro dell’Interno risponde caustico: “I Fava e gli Orlando hanno sbagliato”, ha spiegato dopo la cerimonia, “Sono a Palermo con orgoglio e gioia e non a chiedere voti. È una giornata di unità nazionale, che bello. Se qualcuno di sinistra non è venuto o se ne è andato perché c’era Salvini come ministro dell’Interno si è perso qualcosa. È stata una bellissima giornata di speranza, di futuro, di giovani e di lotta a tutte le mafie. Quelli che riescono a polemizzare anche nel giorno della lotta alla mafia sono dei poveracci“. Il Giornale.it