Caporalato: sgominata banda, omicidio per punire ‘ribelle’

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – CALTANISSETTA, 02 DIC – L’omicidio del pachistano
    Adnan Siddique, commesso la sera del 3 giugno scorso, che si era
    ribellato denunciando i suoi caporali, è maturato nell’ambito
    dello sfruttamento di braccianti agricoli al centro
    dell’operazione ‘Attila’ di carabinieri e polizia di
    Caltanissetta che hanno eseguito 11 arresti, connazionali della
    vittima. Un dodicesimo indagato è attualmente irreperibile. Per
    quel delitto sono stati tratti arrestati sei delle persone
    destinatarie dell’odierna misura cautelare. Prima dell’omicidio
    la banda aveva commesso numerosi episodi di violenza nel Nisseno
    rendendosi responsabili, secondo l’accusa, di delitti contro la
    persona ed il patrimonio, in larga parte ai danni di loro
    connazionali a Caltanissetta e in paesi vicini alla città.
        (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte