Carisp ricorre in cassazione per gli arresti domiciliari dei suoi dirigenti

  • Le proposte di Reggini Auto

  • I legali dei 5 ex dirigenti della Cassa di Risparmio stanno preparando il ricorso in cassazione per ottenere la revoca degli arresti domiciliari. I cinque indagati, l’ex presidente dell’istituto Gilberto Ghiotti, l’ex direttore Luca Simoni, l’ex amministratore delegato Mario Fantini, l’ex direttore della Carifin Gianluca Ghini, e l’ex vicepresidente del gruppo Delta Paola Stanzani, sono stati arrestati a maggio e sono tuttora in stato di restrizione di libertà. Gli avvocati giudicano deboli le motivazioni di rigetto del Tribunale del Riesame di Bologna e si apprestano ad interpellare la Corte di Cassazione. Il legale di Fantini, Guido Magnesi, ritiene del tutto superata l’esigenza di preservare le indagini e il rischio che la scarcerazione dei cinque potrebbe comprometterle, come affermava la sentenza. “Le richieste di rogatoria sono già partite – dichiara – per cui non vedo l’incidenza che potrebbero avere i nostri assistiti su un iter già avviato dalle autorità giudiziarie. Le motivazioni sono deboli”. Dunque agli avvocati non resta che l’ultimo passo, il ricorso in Cassazione che sarà presentato in questi giorni. Della questione si e’ parlato anche nella riunione di mercoledì del consiglio di amministrazione della Fondazione Cassa di Risparmio, convocata soprattutto per le richieste di contributi ancora in pendenza.

    fonte rtv san marino