Carlo Biagioli Srl. LITI TRA VICINI: QUANDO IL “NEMICO” È DIETRO LA PORTA ACCANTO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • carlo biagioliLITI TRA VICINI: QUANDO IL “NEMICO” È DIETRO LA PORTA ACCANTO

    “Tieniti stretto i tuoi amici e ancor di più i tuoi nemici”. Così, oltre 2500 anni fa, nella sua opera “L’Arte della Guerra” Sun-Tzu consigliava di agire per essere sempre pronto e non farsi cogliere di sorpresa.

    Un “consiglio” che sembrano aver seguito in molti dato che le liti tra vicini sono assai frequenti e addirittura in aumento con una media, nella sola Milano, di 4 al giorno.

    I motivi sono i più disparati e non riguardano solo zone di “affollamento” come case popolari o grandi condomini, ma anche zone residenziali e ville. Un esempio recente di eclatante lite tra vicini, riguarda i due noti proprietari di due splendide abitazioni confinanti nel lussuoso quartiere di Holland Park a Londra: Robbie Williams (ex “Take That”) e Jimmy Page (chitarrista dei “Led Zeppeling”). Il primo colpevole di aver iniziato i lavori di ampliamento della sua villa da 26 stanze e 20 milioni di euro di valore per realizzare uno studio di registrazione e una piscina. Lavori contestati dal Page perché potrebbero causare “vibrazioni e danni strutturali” alla sua proprietà.

    L’elenco però dei motivi scatenanti la lite, sono però i più disparati. Secondo una ricerca stilata dall’Anamni, l’associazione degli amministratori di immobili in Italia, in testa alla classifica dei motivi più frequenti di liti condominiali ci sono quelle che in gergo tecnico vengono definite come “immissioni”, cioè i rumori molesti e i cattivi odori che provengono dagli altri appartamenti. Si va dal ticchettio dei tacchi delle scarpe delle donne alla puzza di pesce o di cipolla, dallo spostamento di mobili in tarda ora ai volumi al massimo degli apparecchi domestici, tv e stereo in testa. Nelle lamentele anche la presenza sgradita di animali nei corridoi, diritti di passaggio che non vengono rispettati. E poi ancora piante o tettoie che danno fastidio.

    Ci sono anche Comuni che per cercare di ridurre il numero delle cause e delle liti tra vicini e condomini, hanno messo a disposizione gratuitamente un mediatore per svolgere un servizio di consulenza gratuito.

    Spesso le liti tra vicini o condomini anziché finire davanti ad un mediatore o in un’aula di tribunale, diventano, purtroppo, veri e propri casi di cronaca con atti di violenza anche estremi.

    Certo è che i rapporti di vicinato rientrano in una casistica assai ampia che ha tuttavia una caratteristica spesso comune: quello di essere dispendiosa, in termini di tempo, stress e anche economicamente.

    Per giungere a una soluzione della vertenza, può essere utile, dove presente, rivolgersi a un amministratore di condominio o di immobile, una figura sempre più professionale a conoscenza delle norme del settore e in grado di illustrare correttamente i comportamenti più consoni da seguire e le posizioni da evitare. Si tratta di una figura riconosciuta anche a livello europeo. Come purtroppo accade spesso, San Marino è ancora indietro su questo versante, tanto che una legge al riguardo, sollecitata negli anni da associazioni di categoria e anche tramite Istanze d’Arengo è ferma al palo. Una prima bozza era stata fatta circolare nella passata legislatura, a seguito anche di incontri tra operatori e associazioni di categoria, ma la caduta del governo ne ha interrotto l’iter, poi ripreso in questa legislatura, ma il cui iter ancora non è giunto a conclusione.

    Se l’argomento ti ha interessato e vorresti approfondirlo, oppure solo avere maggiori informazioni al riguardo, non esitare: contatta la CARLO BIAGIOLI Srl telefonando al numero 366 1947818, oppure inviando una e-mail a [email protected]. Il mercoledì pomeriggio si riceve senza bisogno di prenotare un appuntamento dalle 15:30 alle 18.