Carlo Filippini (l'Informazione) bell'editoriale su Giorgio Crescentini.

  • Le proposte di Reggini Auto

  • dicevo bell’editoriale di Carlo Filippini su l’Informazione di quest’oggi. Di solito non inseriamo gli editoriali, le interviste e quanto altro relativo ad un proprio punto di vista pubblicato su altro media, ma questo di questa mattina a firma Carlo Filippini merita davvero…e ci sentiamo di appoggiarlo ed unirci al ringraziamento profuso dallo stesso Filippini verso Giorgio Crescentini.

    Qui di seguito lo riportiamo, sperando che l’autore abbia piacere.

    ”DAVVERO UN GRAN GIORGIO” di Carlo Filippini. Bravo Giorgio, ce l’hai fatta anche stavolta. San Marino ed il popolo del Pallone hanno, oltre a nuovi campi sintetici dove allenarsi e disputare incontri, una nuova casa: la casa del Calcio, appunto. Sei riuscito in questi anni di presidenza dello sport più amato, a costruire più di quanto i tuoi predecessori siano riusciti a fare. Naturalmente non hai fatto tutto da solo…i tuoi collaboratori più stretti ti hanno sempre seguito ed aiutato incondizionatamente sapendo benissimo di avere puntato su un cavallo vincente. Uno per tutti: Benni Ballato, che con la sua riconosciuta esperienza di capo cantiere ha saputo dettare tempi ed indicare soluzioni per indirizzare il progetto di un bravo architetto qual’è Romina Sancisi. L’inaugurazione della casa del calcio avvenuta sabato scorso potrebbe sembrare ai poco attenti o ai molto maligni, una delle tante iniziative a scopo propagandistico-elettorale. Dunque ricordo a coloro che si fossero sintonizzati in questo momento, che 14 mesi fa, quando partirono i lavori non si parlava minimamente di elezioni. Anzi, le relazioni fra gli inquilini del palazzo erano serene . E oggi San Marino possiede tutto questo senza avere tirato fuori dalla saccoccia un solo euro. Eh si perchè per aiutare la Federazione Calcio ci ha pensato la Uefa, che non si sarebbe mai sognata di tirare fuori dei soldini se come interlocutori  avesse avuto delle persone poco serie ed inaffidabili. Anche per questo, carissimo Giorgio, tutti noi (poichè penso di interpretare il pensiero di molti – anche della redazione di www.giornale.sm ndr) ti dobbiamo dire grazie e ricordarti che ti ammiriamo e ti vogliamo bene.”

    Ma come non unirci nel ringraziare Giorgio Crescentini..soprattutto perchè…mosca bianca…non ha speso soldi dello Stato per realizzare una grande cosa…un pò il contrario di quello che è avventuto a Serravalle con il ponte sullo stretto!!! Quanto? 950.000 euro…o più come si dice in giro!!