Caso Buriani, nuovo intervento degli avvocati e notai di San Marino

  • Le proposte di Reggini Auto

  • L’Ordine degli Avvocati e Notai di San Marino è rimasto francamente sorpreso dalla decisione della Commissione Consiliare Affari di Giustizia dello scorso 27 gennaio, di interpellare il Collegio Garante della Costituzionalità delle Norme sulla vicenda delle dimissioni presentate dal Commissario della Legge Dott. Buriani, dimissioni che sono state presentate per motivi rimasti ignoti, ed oggi, ancor più inspiegabilmente, ritirate.
    D’altro canto, vanno espresse e confermate le forti preoccupazioni per il procrastinarsi della situazione di precarietà e di difficoltà che attanaglia ormai da tempo il Tribunale Unico e che, visti i recenti accadimenti, rischia di protrarsi oltre ogni ragionevole limite.
    L’Ordine ritiene che la vicenda delle dimissioni del Dott. Buriani, della quale peraltro il Congresso di Stato ha preso atto, debba ritenersi definitivamente conclusa, e non spetta al Magistrato l’unilaterale decisione di rientrare nell’organico, per l’accesso al quale sono previsti dalla Legge, i metodi di selezione e le procedure di concorso.
    E’ tempo di mettere mano con urgenza alle procedure per l’integrazione degli organici del Tribunale, con provvedimenti di larga intesa tra le forze politiche, giacché l’Amministrazione della Giustizia necessita di autorevolezza e stabilità e di Magistrati equilibrati ed efficienti e non di vertenze su comportamenti certamente non consoni all’alto ruolo ricoperto.

    Il Presidente Ordine Avvocati e Notai
    Avv. Manuel Micheloni
    Comunicato Stampa