CDO OSLA SODDISFATTI PER LA FIRMA CHE DA IL VIA ALL’ACCREDITAMENTO PER GLI ASILI PRIVATI

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Firmata lunedì 15 febbraio la Convenzione fra lo Stato e le strutture private di asili nidi che operano da diversi anni sul territorio di San Marino. CDO ed OSLA esprimono grande soddisfazione. “Una data storica quella di ieri per la Repubblica di San Marino, un passo importante verso la sussidiarietà” il commento di CDO San Marino ed OSLA alla notizia della firma della convenzione fra lo Stato e le strutture private di asili nidi e spazi bambino che operano da diversi anni sul territorio. Finalmente – è proprio il caso di dirlo visto che i primi lavori per redigere la Legge 25 maggio 2004 n.69 sono iniziati sette anni fa sostenuti anche dall’apporto costruttivo degli associati CDO ed OSLA – è stato attuato l’ultimo tassello previsto: l’accreditamento e la convenzione con le strutture socio-educative non statali.

    Una data memorabile perché lo Stato tradizionalmente impostato come fornitore di servizi alla collettività, sollecitato dalla società civile ha modificato negli anni il suo ruolo trasformandosi in regolatore di soggetti “altri” dallo stato che insieme ad esso sono fornitori di servizi pubblici.

    Un’attuazione che sta arricchendo il nostro sistema di welfare dell’offerta anche di soggetti privati così come avviene nei paesi più sviluppati, rispondendo in modo più adeguato ai bisogni delle famiglie, favorendo l’occupazione ed innescando una sana competizione fra tutti i soggetti in gioco.

    In un momento di crisi economica come quello che il Paese sta attraversando questa firma risponde anche ad un altro bisogno: quello di uno stato con poche energie economiche che ragionevolmente apre al privato la possibilità di convenzionare un servizio di pubblica utilità sostenendone lo sviluppo e risparmiando enormemente sul costo di attivazione di un analogo servizio statale e garantendo attraverso l’Authority la qualità del servizio.

    Un plauso va riconosciuto al governo ed alle Segreterie di Stato competenti che in questi anni hanno lavorato per arrivare al successo di oggi.

    Va notato che da alcuni anni le strutture statali e quelle private si trovano assieme al tavolo del coordinamento pedagogico per confrontarsi in quella che da alcuni di loro è stata definita una crescita continua e vicendevole. Un primo passo importante si è attivato quindi ieri, ora occorre proseguire in questo alveo non dimenticando mai di applicare criteri anche nell’attuazione delle modalità di convenzionamento che salvaguardino la libertà di scelta delle famiglie e la qualità del servizio.

    Comunicato stampa congiunto CDO OSLA