Champions, Atalanta: Gasperini “Soddisfatto, potevamo vincere”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ROMA, 14 SET – “Quando siamo rimasti in superiorità
    pensavamo anche di vincerla, anche se nel finale l’ha salvata
    Musso. Comunque, un risultato giusto dopo una bella partita”.
        Gian Piero Gasperini è soddisfatto per il 2-2 dell’Atalanta a
    Villarreal nella prima partita del Girone F della Champions
    League: “Un pari che ci soddisfa molto per la personalità e a
    tratti la qualità, forse c’è mancata la convinzione nel finale.
        Ma la squadra ha saputo soffrire e proporsi bene – ha
    sottolineato, a Sky Sport, dallo stadio de la Ceramica -.
        L’avversario è molto forte sul piano tecnico, sopratutto in
    attacco. Dove noi verso la fine abbiamo avuto gente fresca a
    disposizione, grazie ai cinque cambi che in questa competizione
    vogliono dire molto”.
        Sull’andamento della partita, il tecnico nerazzurro è netto: “Prima mezzora molto buona, poi abbiamo cominciato a perdere
    palla oltre il limite dell’area e questo si paga contro squadre
    del genere perché il gol te lo fanno. Infatti abbiamo pagato due
    volte su due”.
        La differenza di rendimento rispetto alla serie A è sembrata
    notevole: “In Champions non si trovano avversari così chiusi
    come in Italia”. “In casa, in campionato, contro Bologna e
    Fiorentina non è stato facile, ma non ero negativo dopo la
    sconfitta coi viola, determinata dagli episodi – ha proseguito
    Gasperini -. Giocando miglioriamo la condizione: la preparazione
    è stata anomala, con la prima pausa per le Nazionali abbiamo
    avuto 3 giocatori di movimento con cui allenarci in 10 giorni
    prima del rientro degli altri”.
        Infine, sul raggruppamento: “Lo Young Boys anche se in quarta
    fascia è una brutta gatta da pelare, credo che il Manchester
    United se ne sia accorto”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte