Clamoroso dalla stampa spagnola. Contatti tra un ministro di San Marino e gli indipendentisti catalani. “Il governo di San Marino sta valutando l’offerta di ospitare trattative tra Spagna e Catalogna e dare asilo alle personalità necessarie, se necessario”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

La traduzione dell’articolo dell’ ELDIARIO.ES. Il link in fondo all’articolo

Un emissario di Putin, San Marino e un procuratore generale per la repubblica: i messaggi che un ex leader della Convergenza ha inviato a Puigdemont

– L’ex direttore della Convergenza Víctor Terradellas chiese a Puigdemont di nominare l’ex generale Santi Vidal come procuratore generale e ordinò a Trapero di stilare un elenco di 400 “fedeli” mossos.

– Terradellas, a cui Puigdemont non risponde alla maggior parte dei messaggi, un giorno prima del DUI scrisse all’allora presidente che aveva un appuntamento con “un emissario di Putin”

– Puigdemont ha mostrato a Terradellas la sua sfiducia in ERC e Junqueras quattro giorni prima di essere inaugurato presidente nel 2016: “Non possiamo fidarci, hanno lanciato un’operazione per separare Mas e non ripetere JxSí”

L’inchiesta per l’ex leader della Convergència Democràtica de Catalunya (CDC) Víctor Terradellas per corruzione nelle sovvenzioni della Diputación de Barcelona alla ONG presiedente ha prodotto messaggi che l’ex segretario delle relazioni internazionali del partito ha incrociato con Carles Puigdemont nei momenti più critici dell’autunno sovrano del 2017.

Segretario Esteri Renzi

In whatsapps, ottenuto dal telefono di Terradellas dopo aver ordinato al giudice di scaricare il suo cellulare in un’operazione nel maggio 2018, l’esponente convergente vanta contatti internazionali e assicura che San Marino sia disposto a mediare tra il governo e la Generalitat. Come ha annunciato El Periódico de Catalunya, Terradellas ha anche trasmesso a Puigdemont il giorno prima del DUI di avere un appuntamento con “un emissario di Putin”.

eldiario.es ha avuto accesso a tutti i messaggi analizzati dalla polizia tra Terradellas e Puigdemont e che fanno parte del riassunto del caso di presunta corruzione nella Diputación. Il caso includeva anche conversazioni intervenute a Terradellas con ordinanza del tribunale nel 2019, quando era già stato indagato per appropriazione indebita e frode di sussidi. Nelle trascrizioni telefoniche, Terradellas accusa Puigdemont, il quale afferma, tra l’altro, che “è stato un fallimento”, e si rammarica di non essere sufficientemente impegnato nella causa secessionista.

I whatsapp analizzati dalla polizia tra Terradellas e Puigdemont iniziano il 29 settembre 2015, quando l’ex identificatore era ancora sindaco di Girona e nulla suggeriva che a gennaio 2016 sarebbe diventato il successore di Artur Mas in Generalitat. Proprio quel giorno di settembre il giudice ha accusato Mas per la consultazione 9-N, e Terradellas lancia una proposta a Puigdemont, allora presidente dell’associazione dei sindaci indipendenti. In particolare, propone che tutte le campane della Catalogna suonino al momento in cui Mas entra per testimoniare come accusato in tribunale. “Domani abbiamo un dirigente. Parliamo. Ma i campanili sono della chiesa …”, gli ricorda Puigdemont.

Il prossimo messaggio tra i due è del 4 gennaio 2016, appena quattro giorni prima che Mas unse Puigdemont come successore per non ripetere le elezioni dopo una dura trattativa con la CUP. Terradellas cerca di fissare un appuntamento con Puigdemont, che gli dice che è impegnato perché ha incontri del gruppo pel Junts. Sì. In una risposta, il futuro presidente mostra già la sua diffidenza per quello che sarebbe il suo vicepresidente al governo, Oriol Junqueras, quando tilda di dichiarazioni “pericolose” da parte del leader del CER, che ha chiesto di continuare a negoziare con la CUP. “Non possiamo fidarci, hanno lanciato un’operazione per rimuovere Mas e non ripetere JxSí”, aggiunge Puigdemont sulla strategia ERC.

La seguente conversazione ha contribuito alle cause del luglio 2017. In essa Terradellas si lamenta che il delegato della Generalitat in Croazia “ritorni lo spagnolo”. Nessuna risposta da Puigdemont. Successivamente Terradellas chiede come ottenere una prenotazione presso il ristorante Can Roca di Girona, al quale Puigdemont risponde di non sapere. I messaggi si intensificano con l’avvicinarsi del referendum del 1 ° ottobre 2017. Il 22 settembre Terradellas fa sapere a Puigdemont che “un uccellino di Madrid” gli ha detto che a Moncloa “sono fuori posto” perché l’allora presidente ha assicurato che 1-O avrebbe punti di voto dopo l’operazione contro il referendum del 20 settembre. Puigdemont non risponde

Presidente russo Vladimir Putin

Il giorno dopo, Terradellas invia tre whatsapp a Puigdemont, a cui neanche il presidente risponde. In un primo messaggio, Terradellas indica che il presidente russo Vladimir Putin “ha parlato del referendum senza ulteriori accertamenti, ma non lo ha definito illegale”. E aggiunge, in una lunga tesi che combina il trattamento di te e te a Puigdemont, un suggerimento sulla linea da seguire: “Permettimi di dirti che se il conflitto non è internazionalizzato con la dichiarazione di indipendenza tutta la repressione rimarrà un Mediteranno conflitti interni spagnoli e nessuno della comunità internazionale. […] Mi piacerebbe che tu leggessi la lettera che ti spedirò e rimarrai per parlare “.

E il 5 ottobre, un altro WhatsApp di Terradellas: “Urgente! Presidente, chiamami, ho un messaggio urgente per te.” L’8 ottobre, quando la Societat Civil Catalana riempì le strade di Barcellona contro l’indipendenza, Puigdemont risponde a Terradellas e diagnostica la situazione e i problemi in cui si trovava dopo il referendum, quando i disaccordi tra i sostenitori della convocazione di elezioni anticipate – tra cui, all’inizio, lo stesso Puigdemont – e coloro che volevano dichiarare unilateralmente l’indipendenza.

“Abbiamo problemi molto seri che non possiamo ignorare. Non intendo le banche [entità come Caixabank e Sabadell avevano annunciato il trasferimento dei loro uffici fuori dalla Catalogna] o le mani oggi o qualcosa del genere. Mandano messaggi alla nostra gente , persone molto solide e impegnate, con molta preoccupazione e irrequietezza “, afferma Puigdemont. L’allora presidente è pessimista: “La maggioranza che otteniamo oggi il primo giorno può essere in grave pericolo e lo Stato ha attivato l’operazione di fratturazione della società catalana. Sta funzionando almeno un po ‘(sta crescendo)”.

Due giorni dopo, il giorno in cui Puigdemont dichiarò l’indipendenza nel pomeriggio e la sospese in otto secondi, il presidente invia un whatsapp a Terradellas alle 7:47 del mattino.

Al mattino indica che, di fronte al blocco dei conti della Generalitat ordinato dal Ministero delle finanze, “i conti degli uffici e le delegazioni esterne del governo non credono di essere bloccati”.

La conversazione continua e Terradellas rivela a Puigdemont di avere “notizie su San Marino”. E, in stampatello, annuncia: “Il governo di San Marino sta valutando l’offerta di ospitare trattative tra Spagna e Catalogna e dare asilo alle personalità necessarie, se necessario”. Terradellas indica che deve parlare con il ministro di San Marino, ma che non può essere fino alle 18:00. “Questi italiani!” Si lamenta. Puigdemont risponde che “nessun problema” e che “l’importante è che sia possibile”.

Ministro degli Esteri di San Marino Nicola Renzi con il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov

Dal 12 ottobre, i messaggi diventano praticamente un monologo di Terradellas. L’ex direttore di Convergence consiglia a Puigdemont di “non rispondere” al requisito prima dell’applicazione del 155 e di rispondere al presidente. E in 14 punti, Terradellas propone una strategia da seguire, che consiste nel dichiarare l’indipendenza e “mai, mai” invitando elezioni anticipate. Osserva inoltre che “è molto possibile avere un sostegno internazionale”. Puigdemont non risponde.

Quattro giorni dopo, Terradellas invia una dichiarazione del parlamento sloveno a Puigdemont, uno dei paesi più sensibili alle rivendicazioni sovrane, chiedendo una “soluzione pacifica” alla situazione in Catalogna. Chiede inoltre al presidente di “revocare la sospensione” dell’indipendenza perché “abbiamo caramelle e persone in tasca”.

Non riceve risposta da Puigdemont e il 17 e 18 ottobre Tarradellas insiste per incontrare il presidente. “Penso che non perderai nulla se le ascolti, mi piacciono queste persone”, afferma Terradellas. “Di cosa stai parlando?” Chiede Puigdemont. “Ho imparato qualcosa dal mondo, devi ricevere tutti e ascoltare”, risponde Terradellas, senza ottenere una risposta. Il 21, 23 e 24 ottobre, Terradellas insiste su Puigdemont per dichiarare l’indipendenza e chiedere di prendere un appuntamento, ma il presidente risponde che si incontrerà con la sua squadra “tutto il giorno e senza telefono”. Terradellas si accontenta di “poter parlare su Telegram” con Puigdemont.

Víctor Terradellas

E arriva il 25 ottobre, quando un certo Miquel – la cui identità i ricercatori non rivelano -, dal cellulare di Terradellas, scrive a Puigdemont per dirgli che “la Cina dice le sue cose” e gli chiede “prima di fare qualsiasi cosa venerdì [ giorno in cui il Parlamento ha votato il DUI] “fare una videoconferenza con” Pu “. Chi è “Pu”? La polizia sottolinea nel loro rapporto che “a causa del contesto della conversazione, potrebbe trattarsi di un errore grammaticale riferito a una conferenza con Putin”. Puigdemont non risponde a whatsapps.

Il giorno dopo, Terradellas scrive un messaggio a Puigdemont. Il messaggio viene inviato alle 10: 45h. al mattino, proprio quando Puigdemont sta per annunciare che sta chiamando le elezioni. Alla fine, tuttavia, il presidente sembrava annunciare che il Parlamento avrebbe votato per il DUI. “Non ci hai nemmeno ascoltato, penso che ce lo meritassimo”, lamenta Terradellas, a cui Puigdemont risponde: “Non avevo margini e lo scenario era devastante per la Catalogna. Mi dispiace, lo so che non è facile o piacevole da accettare, ma Non ero convinto che andasse bene”.

Terradellas non nasconde la sua rabbia, in un momento in cui i giornali digitali aprono le loro edizioni annunciando che Puigdemont avrebbe convocato le elezioni. “Questo pomeriggio ci avevano garantito una dichiarazione, Gorbaciov. Soldi dalla parte cinese. Ti abbiamo chiesto di fare in fretta. Alle 5 stava arrivando l’emissario di Putin. Siamo alla porta del palazzo [della Generalitat]. Devi riceverci. Ritarda e dacci tempo”, scrive. l’ex leader del CDC. “Ora devo apparire”, dice Puigdemont. Questa è l’apparizione che è stata ritardata fino al pomeriggio, e in cui finalmente il presidente ha annunciato di aver scelto di consumare la rotta unilaterale e che il Parlamento ha approvato il DUI. “Bene, tu lo rimandi. E parliamo,” chiese Terradellas e Puigdemont accettò di salire al Palau de la Generalitat.

I seguenti messaggi sono del 28 e 29 ottobre, quando Puigdemont era già in viaggio per il Belgio. Il presidente non risponde alle lunghe asserzioni di Terradellas sulla situazione politica dopo il DUI e l’applicazione del 155. Terradellas in primo luogo invia una sorta di argomento, con citazioni alla costituzione tedesca, in cui conclude che se “Rajoy & friends vogliono giustificare il applicazione del 155, dovrebbero prima riconoscere la Catalogna come stato”.

Più tardi, Terradellas chiede a Puigdemont “di dimostrare un senso di stato e controllo del momento politico”, ad esempio abbassando la bandiera spagnola del Palau de la Generalitat – qualcosa che non è mai accaduto – e proteggendo l’edificio “con un appello alla popolazione”.

Chiese anche che al maggiore Josep Lluís Trapero fosse ordinato “un elenco di muschi per conoscere il suo livello di spessore e lealtà”. Trapero era stato licenziato dal 155 e un giorno prima si era reso disponibile a giudici e pubblici ministeri per trattenere Puigdemont nel caso in cui lo avessero ordinato. Terradellas va oltre e sollecita Puigdemont a firmare i primi decreti della Repubblica catalana, tra cui quello che nomina “procuratore generale della Repubblica di Catalogna” per exjuez Santiago Vidal, l’uomo che con le sue lezioni ha permesso alla giustizia di iniziare Indaga sul referendum. “Come sempre, sono al tuo servizio”, conclude whatsapp.

Puigdemont, un “Mandorrino”

Due anni dopo questi whatsapp, il telefono di Terradellas è intervenuto per ordine del giudice Joaquin Aguirre, che lo indaga per frode di sussidio. In tre conversazioni con Miquel Casals, condannato per l’appartenenza a Terra Lliure, Terradellas menziona e parla apertamente di Puigdemont, anche se non è più “al suo servizio” come due anni prima. In uno dei colloqui con Casals, Terradellas tilda di “mandorrinos” a Puigdemont e l’ex presidente dell’ANC e leader di JxCat Jordi Sanchez, imprigionato dalla Corte Suprema, e considera che con la sua leadership “non andremo avanti”, perché vede l’espresidente più preoccupato per il suo seggio al deputato.

Pertanto, nella conversazione intercettata il 20 giugno 2019, Terradellas afferma al suo interlocutore che Puigdemont “è stato un fallimento” e assicura che l’ambiente dell’espresidente è andato a trovare un suo amico e gli hanno chiesto 100.000 euro. “Questa ha una data di scadenza”, afferma Terradellas sulla permanenza dell’ex residente in Belgio. “Torra è anche un altro errore che non ha nulla. Quando non è nessuno, sarà uno schifo”, aggiunge Terradellas dell’attuale presidente. E in un’altra conversazione con Casals dieci giorni prima, Terradellas scuote Puigdemont “avendo lasciato la guardia pretoriana” di Artur Mas nella Generalitat, in riferimento ai collaboratori dell’ex presidente, che chiama “mele marce”. “Lui [dice in riferimento a Pugidemont] non vuole fare nulla, e per questo è meglio non entrare. Abbiamo bisogno di uno zio di fronte a loro che li abbia ben piazzati”, conclude Terradellas.

https://www.eldiario.es/catalunya/politica/Putin-San-Marino-Convergencia-Puigdemont_0_963454504.html

 

 

 

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com