Comunicato OSLA su PRESENTAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Mercoledì 18 novembre 2009 alle ore 21 presso la sala ex international di Borgo Maggiore, le Associazioni di categoria OSLA, USC e USOT hanno incontrato i propri Associati per presentare il Piano Particolareggiato per il centro storico.

    Nell’intento di creare un’opportunità di presentazione e di dibattito ancor prima della I lettura di questa nuova disposizione per il centro storico, tanta e interessata la partecipazione.

    La condivisione del progetto in questa fase è fondamentale nel garantire una presa di coscienza da parte dei diretti interessati del piano, strumento che si rende ancor più necessario in termini attuativi per onorare l’impegno di adesione all’UNESCO.

    Quello che è emerso dopo la presentazione da parte dei tecnici incaricati dal Governo alla realizzazione del piano, è la volontà da parte degli operatori e delle Associazioni di categoria a contribuire ad un progetto concreto, dal quale ne deriverà un aumento di qualità e di benefici a tutti gli operatori del centro storico.

    Forte riflessione è nata sulla già presente regolamentazione per il centro storico, che sembra non essere stata debitamente considerata negli anni, che prevedeva già e prevede ora gran parte dei principi contenuti nel piano particolareggiato; fondamentale importanza ricopre il coinvolgimento, la motivazione, la comprensione per rendere possibile l’applicazione e il rispetto delle regole. Importante è la funzione di controllo e l’autorità nella coercizione del piano e nella sua attuazione.

    Una nuova presa di coscienza da parte degli operatori del centro storico, che hanno capito assieme a tutto il paese, che è giunto il momento di mettere in campo dei progetti di rilancio, con il supporto delle Istituzioni. Evidenziati alcuni punti di adeguamento che ovviamente comporteranno delle modifiche all’immagine, ma che non risultano stravolgenti, in riferimento soprattutto alle già vigenti norme per il centro storico. Senso di responsabilità e rilancio del centro storico hanno caratterizzato alcuni interventi di operatori presenti alla serata, che si auspicano di vedere un nuovo volto del centro storico e la sua rinascita. Le Associazioni di categoria si sono rese disponibili oltre che ad aver offerto quest’appuntamento preventivo, anche a divulgare a chiunque interessato il piano e a recepire le indicazioni che chiunque intende proporre al piano particolareggiato.

    Le prospettive di un nuovo volto del centro storico camminano sulla motivazione e la volontà nel cambiare degli operatori, per costruire un turismo più roseo nella capitale, supportato dalle Associazioni di categoria e dalle Istituzioni, che avranno il compito di attuare ed aiutare quell’evoluzione che permetterà il rilancio del turismo nazionale. Va sottolineata la disposizione degli adeguati aiuti finanziari a supporto delle iniziative e che verranno messe in campo dagli operatori, con gli opportuni tempi di adeguamento e alle migliori condizioni economiche. Sottolineata la presenza di strumenti già disponibili ma non utilizzati, come le risorse disponibili attraverso il Decreto 78 del 2006.

     

     

    OSLA – USC – USOT