Comunicato stampa USL e la Vergogna del vecchio sindacato

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Il vecchio sindacato non vuol perdere il monopolio lobbistico a discapito della crescita collettiva con azioni intimidatorie: Vergogna!

    Con inconsistenti cavilli burocratici, il “vecchio” sindacato vorrebbe creare sterile ostruzionismo. L’arroganza è la classica metodologia di chi, non avendo il coraggio del confronto, continua a trincerarsi dietro diktat e false aperture al dialogo, non perseguendo un’ ottica di crescita collettiva meritocratica e professionalizzante. Il vecchio sindacato non vorrebbe assolutamente che si scardini il monopolio che crede ingiustamente di detenere. Non si rende conto che se non apre a nuove ottiche, svincolate da obsoleti modi di fare e vecchi giochi di potere, la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori è, e sarà sempre meno concreta e reale. La credibilità del vecchio sindacato, visto il modus operandi che continua a tenere, è sempre meno trasparente e la sua rappresentatività sempre minore. L’ultima “trovata” del “vecchio” sindacato è quella di inviare un fax intimidatorio per bloccare, a distanza di poche ore, un’assemblea sindacale indetta dalla Unione Sammarinese dei Lavoratori – USL e quindi ostacore l’azione di trasparenza e reale tutela dei lavoratori che il nuovo sindacato ritiene principio principe e imprescindibile. Il vecchio sindacato si arroga il diritto di porre un veto che sicuramente non è di sua competenza, dimostrando per l’ennesima volta, che il suo principale obbiettivo non è la tutela del lavoratore bensì il mantenimento dei privilegi che crede di detenere.

     

    La segreteria dell’USL

    Francesco Biordi

    Francesca Busignani , Epifanio Troina, Giorgia Giacomini

  • WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com