CONCLUSO X CONGRESSO FUPI ED ELETTI NEL NUOVO DIRETTIVO

  • Le proposte di Reggini Auto

  • La volontà di riformare l’amministrazione pubblica è al primo punto della mozione conclusiva votata all’unanimità, nella serata di giovedì 12 febbraio, dai delegati del 10° congresso della Federazione Pubblico Impiego della CDLS.

    Con il 50% di nuovi ingressi, l’assemblea congressuale ha anche approvato un ampio rinnovamento del direttivo di federazione.
    Sono infatti 14 su 28 i nuovi entrati nel parlamentino della FPI-CDLS, che rappresenta tutti i settori e i servizi dell’amministrazione pubblica. In aumento anche il numero delle donne, passate da 4 a 8. Il più votato è risultato il segretario uscente Marco Tura, seguito da Sandro Serra, Morena Mularoni, Marco Ugolini e Riccardo Stefanelli.

    Il documento finale del decimo congresso conferma l’impegno di continuare il processo di cambiamento della PA, puntando su “una riforma che valorizzi le professionalità esistenti per ridare ai dipendenti l’orgoglio di appartenenza e crei valide aspettative per i giovani”. Processo di cambiamento che, “senza assumere i connotati di uno stravolgimento incontrollato”, sia finalizzato all’erogazione di servizi pubblici “sempre più rispondenti alle necessità del Paese”.

    Il tema della riforma è stato del resto il filo conduttore dell’ampio e serrato dibattito congressuale. Dibattito che ha registrato l’intervento del Segretario agli Affari Interni, Valeria Ciavatta. “Ci sono progetti di legge già pronti – ha detto l’esponente del governo – che testimoniano la nostra assoluta convinzione di procedere nella riorganizzazione della macchina statale”. Il Segretario Ciavatta ha parlato della legge sulla dirigenza e di quella sui concorsi, anticipando l’impegno di completare “entro l’anno” il confronto sugli inquadramenti professionali.

    Morena Mularoni, dirigente della FPI-CDLS, ha sottolineato che l’accesso al settore pubblico deve basarsi su “regole chiare e condivise” e che la qualificazione della PA è legata alle opportunità d’ingresso offerte ai nostri giovani. “La riduzione del precariato – ha aggiunto – deve essere tra gli obiettivi della riorganizzazione pubblica”.

    Il responsabile sanità della CDLS, Sandro Serra, ha ricordato invece l’accordo già siglato sul progetto di riordino dell’Istituto Sicurezza Sociale. Progetto che sta attraversando una fase di sperimentazione . “Con il nuovo atto organizzativo – ha spiegato Serra –cambiano notevolmente le responsabilità e le modalità di gestione dell’ISS. Siamo di fronte a un processo di rinnovamento necessario, anche se non mancano da parte nostra osservazioni e critiche. Per questo con i responsabili della sanità pubblica va aperta una verifica in grado di introdurre modifiche e miglioramenti”.

    Sottolineata anche “l’urgenza” di rinnovare il contratto, con la priorità della “salvaguardia del potere di acquisto delle retribuzioni”.
    Nella mozione finale, i delegati del congresso hanno inoltre espresso solidarietà ai lavoratori colpiti dalla grave crisi economica, invitando quindi il Governo “ad attuare interventi di equità fiscale” ed un utilizzo “oculato delle risorse” finalizzati al potenziamento e ampliamento degli ammortizzatori sociali.

    Ecco l’elenco, in ordine di preferenze, dei membri del nuovo direttivo votati dal 10°congresso FPI-CDLS.
    Marco Tura, Sandro Serra, Morena Mularoni, Marco Ugolini, Riccardo Stefanelli, Agostino Ugolini, Nicoletta Canini, Filippo Gatti, Paolo Piscaglia, Valter Ghiotti, Claudia Ceccoli, Loretta Ciacci, Milena Frulli, Alberto Gaseproni, Marcello Busignani, Davide Gualandra, Daniele Berardi, Veronica Lonfernini, Paolo Gattei, Josef Babboni, Giancarlo Guidi, Floriano Podeschi, Agostino Ceccarini, Claudio Stefanelli, Stefano Pari, Mara Moretti, Massimiliano Maccapani, Monica Tonelli.