Concorso ''Meritamente'': 20 candidature, non solo da San Marino

  • Le proposte di Reggini Auto

  • “MERITAMENTE”, il concorso che premia gli studenti sammarinesi o residenti a San Marino più promettenti assieme alle loro Scuole, è entrato nel vivo della sua realizzazione. Martedì 10 febbraio è scaduto il termine ultimo per l’iscrizione degli Istituti Scolastici. Sono state ben venti le candidature presentate: Scuole Secondarie Superiori di San Marino, Liceo Classico Giulio Cesare, Istituto Alberghiero Malatesta, Istituto Einaudi di Novafeltria, Istituto Valturio di Rimini, Istituto Tecnico Industriale Da Vinci, Liceo Scientifico Einstein, Istituto Tecnico Industriale Mattei di Urbino, Istituto Gobetti- De Gasperi di Morciano, Liceo Scientifico e Artistico Serpieri, Liceo Linguistico San Pellegrino, Istituto per Geometri Valturio, Liceo della Comunicazione Maestre Pie, Istituto per il Turismo M. Polo, Liceo Classico Dante Alighieri, Liceo Scientifico Lemaitre, Istituto Einaudi di Rimini, Istituto Statale d’Arte di Urbino.

    Gli Istituti si impegneranno a segnalare i nostri migliori studenti che frequentano gli ultimi tre anni di corso.

     Essi potranno accedere a prove e colloqui attitudinali ed a conclusione, il Comitato Scientifico, stilerà una graduatoria suddivisa per anno di frequenza dalla quale emergeranno in totale nove premiati, tre per ogni anno.

    Il concorso“MERITAMENTE”è istituito dalla Fondazione San Marino Cassa di Risparmio S.U.M.S. con il patrocinio della Segreteria di Stato alla Pubblica Istruzione e mette in palio, per ogni classifica, un viaggio di studio all’estero e buoni per l’acquisto di libri.

    Unitamente agli studenti saranno premiati anche gli Istituti di appartenenza, uno per ogni classifica, ai quali sarà finanziato, con una sovvenzione di cinquemila euro, un progetto didattico.

    La finalità del concorso è valorizzare il merito dei giovani sammarinesi ed enfatizzare la centralità del ruolo degli insegnanti; la cui opera diventa ogni giorno più importante e decisiva, nelle loro mani sono le giovani generazioni: il nostro futuro.

     

    Comunicato stampa