CONGRESSO DI STATO DEL 31 03 09

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Con grande soddisfazione che i segretari agli esteri Mularoni e alle Finanze Gatti, annunciano che si procederà alla firma dell’accordo di cooperazione economica e quello dell’utilizzazione dell’aeroporto, accordo quest’ultimo che giaceva sul tavolo da diversi anni.

    L’accordo di cooperazione finanziaria invece, sarà firmato fra qualche settimana perché tecnicamente non era possibile procedere alla firma per domani sera, perché le parti hanno necessità di tempo per verificare attentamente un accordo prettamente tecnico.

    Il segretario Mularoni dichiara di stare seguendo attentamente quello che sta succedendo a Londra e l’OCSE stilerà entro la fine dell’anno una nuova lista e contiamo di non essere nella black list anche in quella sede perché non essendo nella white list per il Moneywall, non esserlo anche nell’Ocse sarebbe drammatico.

    Il governo dice di non avere la certezza di quello che succederà, però abbiamo messo in campo tutto il possibile per fare capire da che parte vogliamo stare, cioè dalla parte della trasparenza e dalla parte della lotta verso l’antiriciclaggio.

    Saranno presi impegni per fare in modo comunque che tutti gli accordi entrino in vigore insieme, anche quello tecnico.

    Per quanto riguarda l’accordo sulle doppie imposizioni, fermo al 2002, occorre aggiornarlo con le direttive Ocse del 2005, che contiamo di concluderlo entro l’anno.

    I Segretari si sono dichiarati soddisfatti, per il lavoro svolto, e crediamo che questo sarà un importante segnale verso l’interno della repubblica e soprattutto verso l’esterno, perché la firma di questi accordi, il riferimento positivo che darà l’Italia del nostro paese, l’accettazione delle direttive europee formeranno un biglietto da visita adeguato per attrarre nuove forme di investimento.

    Il governo aggiunge che il reclutamento di nuovi magistrati, sono un segnale e una risposta adeguata al Moneywall, che vanno nella direzione della lotta all’antiriciclaggio.

    L’accordo è stato migliorato nell’articolo uno in particolare, che fu oggetto di pesanti critiche nel 2006 da parte dell’opposizione e delle categorie economiche.

    Il segretario gatti termina dicendo che queste problematiche se fossero state affrontate in tempo, non si sarebbe arrivati a queste situazioni e si sarebbe potuto affrontare queste materie con molta più tranquillità.

     

    Il governo ha inoltre trattato la problematica delle intercettazioni telefoniche e ambientali, annunciando che presto sarà portata in consiglio una legge su questa materia che vada a regolamentare questo delicato tema e soprattutto che vada a reprimere duramente chi non rispetta le regole.

    Per quanto riguarda i giochi giovedì prossimo una delegazione di governo incontrerà i rappresentanti dell’ente giochi e la commissione  giochi per capire e valutare attentamente cosa sta succedendo e fare una riflessione se intervenire su questa materia.

     

    Infine oggi si è parlato anche dei contratti di lavoro e di tutte le tematiche riconducibili agli ammortizzatori sociali, nel quale il governo incontrerà la settimana prossima le categorie economiche e sociali per fare loro una proposta su cui lavorare e poter raggiungere un accordo.