Contratto banche, c’è la firma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Firmato oggi il rinnovo del contratto banche. Per i circa 700 lavoratori del settore sono previsti aumenti del 5% per il triennio 2007-2009. Le Federazioni Servizi di CSdL e CDLS parlano di contratto delle responsabilità?

    Il via libera definitivo c’è stato oggi alle 13 di oggi presso la sede dell’Associazione Bancaria Sammarinese (ABS). Il nuovo testo contrattuale, con le modifiche approvate dall’assemblea dei dipendenti del 25 febbraio scorso, è stato sottoscritto da ABS, ANIS ed OSLA e dalle Federazione Servizi di CSdL e CDLS.

    E’ indubbia la grande importanza di questa firma interviene il Segretario della FULCAS-CSdL Isabella Stefanelli che sancisce il rinnovo di un contratto di lavoro scaduto da oltre tre anni. Le complesse fasi della trattativa e il contesto economico indubbiamente sfavorevole per il comparto bancario, hanno allungato i tempi di questo rinnovo contrattuale. Siamo comunque soddisfatti per questa firma che conferma ancora una volta il ruolo chiave della CSdL e della CDLS nelle principali trattative di rinnovo contrattuale.?

    Possiamo definire il documento siglato oggi come “il contratto della responsabilità” – puntualizza il Segretario della FCS- CDLS Gianluigi Giardinieri – I dipendenti del settore bancario hanno voluto dimostrare, in maniera concreta e tangibile, il forte senso di responsabilità e la loro preoccupazione per le prospettive di incertezza del comparto bancario e finanziario e, più in generale, per il Paese. Il risultato raggiunto con la firma odierna è frutto di una lunga trattativa, che si è sviluppata, anche nei momenti di maggiore tensione,  privilegiando il dialogo ed il confronto con la controparte?.

    Il rinnovo contrattuale prevede una parte economica con aumenti per il triennio 2007/2009 del 5% su tutte le voci contrattuali, così distribuiti: 1,5% per il 2007, 3% per il 2008 e 0,50% per il 2009. Dal punto di vista normativo l’aspetto di maggior rilievo riguarda l’introduzione di un nuovo metodo di calcolo del premio di produzione, che sarà maggiormente legato ai risultati aziendali.