Coronavirus San Marino. Sds Sanità Ciavatta: ”ORGOGLIOSO DEL NOSTRO PIANO VACCINALE”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • Sds Ciavatta in conferenza stampa ISS di oggi: ”La Commissione vaccini si riunisce in maniera abbastanza frequente. E’ stato redatto un piano vaccinale ed è stato argomento di divulgazione con gli omologhi italiani. Abbiamo resi edotti i colleghi del Ministero della Salute rispetto al nostro piano vaccinale. Domani è prevista anche una commissione consigliare permanente, la quarta, dove c’è in discussione anche la problematica della sanità ed in quella occasione, a livello istituzionale, fornirò gli elementi ed i dettagli ai commissari rispetto al piano vaccinale che è stato delineato. E’ un piano molto molto dettagliato, come è giusto che sia, e prevede una parte che coinvolge la dott.ssa Stefanelli per la comunicazione, divulgazione e promozione della campagna stessa e dell’importanza della vaccinazione a tutela di coloro che non potranno, per motivi legati alla salute, sottoporsi al vaccino e riguarda tutto lo stoccaggio e la farmacovigilanza sui vaccini una volta entrati in Repubblica di San Marino. Riguarda anche le modalità di somministrazione ed il luogo di somministrazione oltre ad una serie di elementi che sono piu’ tecnici ma che andavano valutati, ovvero la consegna di una certificazione di vaccinazione che sia riconoscibile, la necessità di fare un consenso informato precedentemente, nelle immediate vicinanze temporali, alla somministrazione, alla vigilanza di 15-20 minuti successivi alla inoculazione del vaccino, insomma tutta una serie di procedure che sono state a lungo studiate dalla Commissione Vaccini e che hanno condotto a questo piano vaccinale del quale io sono orgoglioso perchè si tratta di un piano di vaccinazione che per diversi mesi verrà portato avanti dalla nostra struttura ospedaliera con ingenti sforzi anche organizzativi sia dal punto del personale che organizzativo puro. Insomma degli spazi, dei tempi, delle modalità di prenotazione e di coinvolgimento che però la struttura è riuscita a redigere in un tempo molto limitato per la nostra realtà.”