Covid: P. soccorso Oristano riapre a pazienti non positivi

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – ORISTANO, 29 OTT – Il Pronto Soccorso di Oristano,
    nel quale nei giorni scorsi si era formata una lunga fila di
    ambulanze in attesa, è tornato pienamente operativo e ha
    riaperto l’accesso anche ai pazienti con sintomatologia non
    riconducibile a Covid che vengono accolti nel cosiddetto “percorso pulito”, subito dopo la sanificazione dei locali.
        La riapertura è stata resa possibile grazie al progressivo
    trasferimento dei pazienti positivi al Sars Cov-2 e nel reparto
    Covid dell’ospedale San Martino, entrato in funzione martedì. Le
    operazioni di trasferimento dei pazienti, considerata la
    particolare condizione di essi e la necessità di effettuarle in
    piena sicurezza, si sono concluse ieri.
        Nell’area del Pronto Soccorso dedicata ai pazienti Covid restano
    intanto sotto monitoraggio alcuni pazienti, per i quali sono
    previsti a breve trasferimenti o dimissioni. La Assl di
    Oristano, di concerto con l’Ares (Azienda regionale della
    salute), sta lavorando per attivare quanto prima il reparto
    Covid all’ospedale Delogu di Ghilarza.
        “Voglio ringraziare gli operatori del Pronto Soccorso – ha detto
    la direttrice Assl Maria Valentina Marras – che questa settimana
    ha fatto un lavoro particolarmente gravoso e difficile, e lo ha
    fatto con dedizione, attenzione e umanità, garantendo
    un’assistenza eccezionale ai nostri pazienti. Un enorme
    ringraziamento va inoltre al personale medico, infermieristico,
    socio-sanitario, tecnico e a tutti coloro che hanno contribuito
    alla nascita del reparto Covid con uno sforzo, in termini
    professionali ed umani, davvero encomiabile. Il nostro personale
    sta dando il massimo per fronteggiare l’emergenza, ma chiediamo
    a tutti i cittadini di continuare a fare la propria parte
    adottando comportamenti responsabili”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte