Cronaca Italia. Esplosione in una fabbrica di fuochi d’artificio: almeno 3 morti e due dispersi. «Un boato fortissimo»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Tragedia a Barcellona Pozzo di Gotto in provincia di Messina, dove si è verificata un’esplosione in un deposito di fuochi d’artificio e polveri piriche: il bilancio è choc, tre morti e due dispersi. L’esplosione sarebbe avvenuta per cause ancora da accertare. Dalle prime informazioni dei Vigili del Fuoco l’incidente è avvenuto in località Femmina Morta, nella fabbrica di articoli pirotecnici di Vito Costa e dei figli in contrada Cavalieri.

Una delle vittime è Venera Mazzeo, 71 anni, la moglie del titolare. Oltre a lei ci sarebbero altri due morti e due dispersi, si apprende da fonti dei vigili del fuoco. Nella zona si è sentito un boato e subito dopo uno più forte che si sono uditi fino a Milazzo e che hanno causato panico. Dalle prime notizie ci sarebbero almeno quattro feriti gravi con parti del corpo ustionate. L’intervento delle squadre dei pompieri è ancora in corso.

COINVOLTI ANCHE OPERAI Nella fabbrica di fuochi d’artificio esplosa erano al lavoro anche quattro operai di una ditta esterna e al momento non è ancora chiaro se tra le vittime accertate ci siano anche alcuni di loro o se siano ancora tra i dispersi. La produzione dei fuochi avveniva in un vecchio casolare in contrada Cavalieri-Femmina morta. La famiglia Costa ha una pagina Facebook in cui pubblicizza i propri prodotti e gli eventi con i giochi di fuoco realizzati. Sul posto, oltre ai vigili del fuoco, sono presenti polizia, carabinieri e numerose ambulanze.

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com