Dal profumo ai cuscini, Teatro Regio Parma firma collezione

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
  • Le proposte di Reggini Auto

  • (ANSA) – MILANO, 21 NOV – Il Regio di Parma diventa un brand.
        E nel momento in cui i teatri devono rimanere chiusi agli
    spettatori (ma non agli show tanto che è stato scelto da Andrea
    Bocelli come location per il suo spettacolo natalizio in
    streaming mondiale il prossimo 12 dicembre) lancia una propria
    collezione di prodotto acquistabili nella boutique del teatro o
    online.
        Fino ad oggi erano a disposizione matite, manifesti, shopper,
    portachiavi, tazzine e poco altro, ma dal 22 novembre
    arriveranno i prodotti realizzati dagli artigiani del teatro:
    cuscini, arazzi, palle di Natale in tessuti preziosi o in
    terracotta decorata a mano, ma anche riproduzioni dei putti e
    delle maschere che decorano i palchi del Teatro in polvere di
    marmo decorata a foglia d’oro, per i più piccoli libri decorati
    con i miti dell’opera e persino l’eau de parfum Regio Parma.
        “Durante i mesi del lockdown – ha spiegato il direttore
    generale Anna Maria Meo – il teatro e i suoi lavoratori non
    hanno mai spesso di concepire, disegnare e realizzare nuovi
    progetti, anticipando la data d’inizio di molte attività che
    erano già in cantiere da tempo. Sono stati inaugurati così
    l’Accademia TRP dedicata alle arti e mestieri del Teatro e delle
    industrie creative, e progetti come Festival Verdi Home
    Streaming e Il Regio a casa tua. La volontà di non fermarsi, il
    desiderio di creare, la capacità di reinventarsi sono stati il
    motore di altre attività che hanno così permesso di valorizzare
    e garantire l’impiego dell’intera forza lavoro del Teatro e di
    non interrompere la relazione con la sua comunità, in un momento
    in cui grandi teatri internazionali hanno invece abdicato alla
    loro responsabilità sociale”. (ANSA).
       


    Fonte originale: Leggi ora la fonte