Dalla rete altro articolo che getta fango su San Marino: ”il paradiso fiscale sotto casa”

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Questa è l’url
    http://avapxos.blogspot.com/2009/07/chi-non-salta-onesto-e.html
    e questo è l’articolo che rimmarrà inpunito:
     

    ”Buon giorno blog buongiorno a tutti.

    Della serie al peggio non c’ è mai fine, venerdì sera,in tutta fretta, è passato il dl anticrisi,o antionesti,che poi è lo stesso,vista la sua sostanza.

    E una roba lunga e articolata,un guazzabuglio confuso e fuorviante,si beh una legge alla tremonti insomma.

    Per capirci qualcosa, proviamo a procedere con ordine,
    Per primo,questa porcheria,l’ ennesima, è nel contempo,sia un decreto legge,sia un provvedimento approvato sotto il vessillo dell’ istituto di “fiducia”.

    Vediamo cosa sono,per capire meglio:

    1)Il decreto legge (abbreviato con d.l.) è un provvedimento provvisorio avente forza di legge, adottato in casi straordinari di necessità ed urgenza dal Governo, ai sensi dell’art. 77 della Costituzione della Repubblica italiana.( http://it.wikipedia.org/wiki/Decreto_legge )

    2)Il governo pone la questione di fiducia su una legge (o più comunemente su un emendamento ad una legge), qualificando tale atto come fondamentale della propria azione politica e facendo dipendere dalla sua approvazione la propria permanenza in carica. Nella pratica politica tale strumento viene usato dal Governo per compattare la maggioranza parlamentare che lo sostiene o per evitare l’ostruzionismo dell’opposizione.
    Ponendo la fiducia tutti gli emendamenti decadono e la legge deve essere votata così come è stata presentata. Nel caso in cui il Parlamento respinga la questione di fiducia posta dal Governo, quest’ultimo è considerato privo della fiducia della Camera/Senato e pertanto è tenuto a rassegnare il mandato nelle mani del Capo dello Stato. Va inoltre ricordato che tale istituto giuridico, compattando la maggioranza cerca di annullare i c.d. “franchi tiratori” che si nascondono dietro il voto segreto. ( http://it.wikipedia.org/wiki/Questione_di_fiducia ).

    Secondo questo documento: http://www.osservatoriosullefonti.it/index.php?option=com_content&view=article&id=120:decreti-legge&catid=25:fonti-statali&Itemid=80 ( clicca su “tabella” o elenco decreti legge XVI legislatura )

    In poco più di un’ anno di attività,IL GOVERNO HA PRODOTTO 36 DECRETI LEGGE,E CHIESTO LA FIDUCIA 15 VOLTE( tenendo conto che è aggiornata al 16 giugno scorso).

    Ad oggi,secondo alcuni tra maggiori quotidiani,la fiducia è addirittura arrivata a quota 23( la repubblica,l’ unità,il messaggero,la stampa),praticamente 2 fiducie e 3 decreti legge al mese,un abuso totale,di strumenti Costituzionali,concepiti esclusivamente,per essere utilizzati in casi straordinari,piegati anch’ essi ai bisogni del regime,oggetto ormai di utilizzo quotidiano,nell’ attività di governo,una pericolosa prassi,istituita dal peggior governo della storia della Repubblica.

    Ma andiamo a vedere qualche( e non tutti) dettaglio,interessante di questa ennesima porcata schifosa.

    – Scudo fiscale. Arriva la sanatoria per il rimpatrio o la regolarizzazione di capitali e beni mobili o immobili detenuti all’estero. Rientrano anche case e yacht purchè in Ue. L’aliquota sarà dell’1 per cento l’anno, la metà del rendimento lordo presunto del 2 %, per i cinque anni precedenti il rimpatrio. In totale dunque si pagherà il 5% con l’obbligo di sanare tutto il quinquennio se non si dimostrerà di avere avuto soldi e beni per un periodo inferiore. Dello scudo si potrà beneficiare dal 15 settembre al 15 aprile 2010 e sanerà solo il reato di omessa o incompleta dichiarazione dei redditi. In caso di capitali in paesi extra Ue sarà obbligatorio il rimpatrio.

    Cioè,tutti quei maiali luridi,che dichiarano un reddito di 8000 euro l’ anno,ed hanno aziende,yacht,auto di lusso,palazzine intere,partecipazioni in società di capitali,investimenti a vario titolo,tutti coloro i quali,hanno portato TOTALMENTE IN NERO DECINE,FORSE CENTINAIA DI MILIONI DI EURO nei paradisi fiscali,come il Lussemburgo,San Marino(“il paradiso sotto casa”),Liechtenstein,Antigua,isole vergini,tonga,e… la lista sarebbe troppo lunga,mi fermo qui.

    Premio,ai maiali,anzichè,inasprire i controlli,creare delle agenzie di supervisione sul territorio,controllare nel dettaglio,le REALI ATTIVITA,il loro svolgimento quotidiano,sia la “gestione caratteristica” delle imprese,che quella contabile,e quella di cassa,anzichè,controllare la mostruosa evasione fiscale,calcolata in 100 MILIARDI DI EURO L’ ANNO!( http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2003/02/10/evasione-fiscale-record-100-miliardi.html ),fanno sconti bestiali a chi, il fisco lo ha sempre evaso, MA VAI AFFANCULO VA!

    – Tremonti-ter. Escluso dall’imposizione sul reddito d’impresa il 50 per cento degli investimenti in macchinari e apparecchiature compresi nella divisione 28 della tabella ATeco. La detassazione degli investimenti potrà essere applicata già alle operazioni del 2009 ma solo con il saldo che si pagherà nel 2010. Le agevolazioni varranno solo per l’acquisto di macchinari nuovi dal primo luglio 2009 al 30 giugno 2010.

    – Sgravi sull’aumento di capitale. Previsto uno sgravio del 3% sull’aumento del capitale sociale delle imprese, fatto da persone fisiche, fino a 500mila euro. La misura vale cinque anni.
    E SOPRTTUTTO
    – Moratoria crediti per Pmi. Grazie a una convenzione da stipulare con l’Associazione Bancaria Italiana (Abi) entro 4 mesi dall’entrate in vigore della legge, sarà fissata una moratoria per le piccole e medie imprese che hanno debiti con le banche.

    ( Nell’ambito del diritto, con il termine moratoria si intende la sospensione della scadenza di una obbligazione concessa per legge quando sopraggiungono casi eccezionali.
    Ritardo legalmente autorizzato nel pagamento di un importo scaduto. http://it.wikipedia.org/wiki/Moratoria )

    E anche qui,attenzione,l’ italia è fatta di MICRO IMPRESE, che fatturano qualche decina,nel migliore dei casi centinania di migliaia di euro,all’ anno,l’ Italia è fatta di parrucchiere,di ditte di trasporti,di negozianti al dettaglio,di piccoli inprenditori,di agricoltori,di artigiani,loro sono,il motore produttivo del paese, insomma i piccoli imprenditori.

    Nel pacchetto del tremonti,il “sofista” piu furbo d’ Italia,rientrano,quelle che sono chiamate le “pmi”,cioè le piccole e medie imprese.
    Per meglio capire la furbata,le cosiddette “pmi”,sono regolamentate da una disposizione della comunità europea,e rientrano nei parametri che seguono:
    TIPO OCCUPATI FATTURATO TOT.DI BILANCIO

    -media impresa < 250 <_ 50 mln oppure <_ 43 mln
    -piccola impresa < 50 <_ 10 mln oppure <_ 10 mln
    -micro impresa < 10 <_ 2 mln oppure <_ 2 mln

    ( http://it.wikipedia.org/wiki/Piccola_e_media_impresa )

    Cioè,non è che sta salvando la vita,a chi ha l’ acqua alla gola e basta,sta facendo sconti sugli aumenti del capitale,e sugli investimenti strutturali a m/l termine,cioè immobilizzazioni materiali delle imprese.

    Per tutti i soggetti che fatturano,o mettono a bilancio,fino a 50 MILIONI DI EURO ALL’ ANNO!!!

    CIOE,ANCHE E SOPRATTUTTO,PER QUEGLI ZOZZONI, CHE I SOLDI DA INVESTIRE CE LI HANNO,E CHE FINO A IERI HANNO ESPORTATO,IN NERO INGENTI CAPITALI ILLECITAMENTE!

    E un pò la storia dell’abolizione dell’ ici sulla prima casa,che era già,stata introdotta dal governo prodi,ma che riguardava solo una parte degli immobili(circa 7 milioni su 31),tra i quali alcuni godevano di sgravi,ed altri non pagavano più l’ imposta,poi è arrivato il generoso papysilvio, e l’ ha tolta a chiunque,ricchi,ceto alto,e miliardari compresi.

    Quindi,anzichè fare un provvedimento mirato a chi ne ha davvero bisogno,con la scusa,si mette nel calderone,di tutto e di piu,come al solito,quindi si fanno sconti di ogni sorta agli evasori,ed agli zozzoni di medio calibro,e ai giganti,chi ci pensa? ai giganti arrivano direttamente soldi freschi dallo stato(cioè fottuti a noi,dalle nostre sempre piu vuote saccocce),come? così!:

    – Ponte sullo Stretto. La società Stretto di Messina potrà contare su un contributo di 1,3 miliardi di euro in conto impianti, ma sarà il Cipe a determinare le quote annuali del contributo, compatibilmente con i vincoli di finanza pubblica. L’amministratore delegato della società, Pietro Ciucci, è nominato commissario straordinario per 60 giorni.

    – Tirrenia. Stanziati 64,5 milioni di euro per i servizi marittimi svolti dal gruppo Tirrenia e all’ammodernamento della flotta.

    Impregilo e Fintecna spa,ringraziano…

    Per maggiori info,qualche link:
    ( http://www.ecodisicilia.com/messina-la-societa-stretto-di-messina.htm —http://www.fintecna.it/partecipazioni.asp — art 2,comma 1 statuto fintecna: http://www.fintecna.it/doc/statuto.pdf ).

    Financo ai terremotati in abbruzzo:

    – Terremotati Abruzzo. Dal primo gennaio del 2010 i terremotati dovranno ricominciare a pagare, in rate di 24 mesi, i tributi e i contributi non versato dal 6 aprile al 30 novembre.

    Che NON HANNO PIU UN CAZZO! E che dovranno pagare tutte le tasse,senza sconti,senza sgravi,alla faccia dei disgustosi proclama televisivi,che paventano aiuto e presenza da parte delle istituzioni.

    Ed ancora,il nucleare di stato,contro la Costituzione,contro la manifesta volontà del popolo,contro la legge,contro il buon senso,e contro le politiche energetiche del resto del Mondo:

    – Centrali. Soppresso il ruolo del ministero dell’Ambiente e degli enti locali nelle autorizzazioni per la realizzazione di centrali di produzione e per le reti di distribuzione di energia.

    Rinvio della class action:

    – Class action. Rinviata al primo gennaio 2010 l’entrata in vigore della nuova disciplina sulla class action.

    Controlli da tragicomica…

    – Lotta all’evasione. Gli ispettori fiscali e la Guardia di Finanza, con l’autorizzazione dell’Agenzia delle Entrate o dei comandanti regionali delle Gdf, possono richiedere “ad autorità ed enti” – compresi Banca d’Italia, Consob e Isvap – notizie, dati, documenti e informazioni ‘di natura creditizia, finanziaria e assicurativa, ai fini di controllo.

    – Paradisi fiscali. Chi ha investimenti e attivita’ detenuti nei cosiddetti ‘paradisi fiscali’ e non le dichiara è considerato automaticamente evasore fiscale. L’Agenzia delle entrate creerà un’unità speciale proprio per scovare chi ha capitali all’estero.
    (fonte: http://www.repubblica.it/2009/07/sezioni/economia/crisi-37/contenuti-decreto/contenuti-decreto.html)
    Anzichè traferire capitali,in conti correnti all’ estero,si apre una S.A.(società anonima),in un qualunque paradiso fiscale,in uno stato sovrano che legifera come gli pare a lui, nella quale si continuano a trasferire i capitali IN NERO, come hanno fatto fino a ieri,e come faranno domani,tranquillamente,serenamente,beatamente,e si reinveste,direttamente in altri paesi,dato che non c’ è una normativa comunitaria contro il riciclo dei soldi sporchi,che non riguarda solo la criminalità organizzata,ma anche gli evasori fiscali,come ci racconta l’ economista Loretta Napoleoni:

    In conclusione,abbiamo dato un’ occhiata ad una parte di questa schifezza di decreto legge,l’ ennesimo,l’ ennesimo sul quale è stata posta la fiducia,l’ ennesima porcata,fatta apposta per gli zozzoni,i furbetti, i maiali,e che toglie ancora diritti ai cittadini.

    Scusate se sono stato particolarmente prolisso…buona domenica

    P.S. Sosteniamo Beppe!,salva il banner (scritta bianca su sfondo arancione a inizio pagina)sul tuo pc,e caricalo sul tuo sito,o blog,grazie.