Decreto Blockchain: una grande occasione per San Marino

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Più volte abbiamo indicato l’innovazione come uno di quei settori su cui si può giocare il rilancio dell’economia del Paese. In quest’ottica la coalizione Adesso.sm non può che cogliere favorevolmente l’emanazione del decreto delegato “Blockchain” (Decreto del 27 febbraio 2019 n. 37) promosso dalla Segreteria di Stato per l’Industria e da San Marino Innovation, che per la stesura si sono avvalse del prezioso contributo intellettuale di un nutrito gruppo di professionisti, i quali si sono dimostrati fortemente interessati al progetto. 

Per blockchain si intende una particolare tecnologia di registro distribuito, in gergo “distributed ledger technology” (DLT), in grado di registrare scambi e informazioni in modo sicuro e permanente, mediante la condivisione di un database che rimuove la necessità degli intermediari che, in precedenza, erano tenuti ad agire come terze parti di fiducia per verificare, registrare e coordinare i dati. 

La portata di questa nuova tecnologia è veramente notevole e San Marino si pone l’ambizioso obiettivo di essere uno dei primi Paesi al mondo a fornire una cornice normativa in grado di consentire la piena espressione delle potenzialità delle applicazioni della stessa. 

Il primo passo è stato fatto con la stesura di una normativa che ha come scopo una regolamentazione chiara, semplice e trasparente delle applicazioni della tecnologia blockchain, al fine di attrarre progetti dal respiro internazionale e posizionare la Repubblica di San Marino come uno dei centri di eccellenza a livello mondiale, nonché come il miglior partner legislativo degli innovatori. E San Marino, in questo, può sfruttare i vantaggi che derivano dall’essere un Paese dalle ridotte dimensioni, con una buona velocità di adeguamento della propria normativa e con una semplicità di dialogo con le istituzioni. 

Se questa nuova tecnologia riuscirà a prendere piede a San Marino, ci saranno benefici indiretti per molti attori, a cominciare dai professionisti, ma anche per il sistema bancario stesso. 

La presentazione del decreto a San Marino è stata preceduta da quella tenutasi ieri a Milano, che ha avuto una notevole risonanza a livello non solo italiano ma anche internazionale. Ed il messaggio che da più parti è emerso è quello di un Paese attento all’innovazione, ma soprattutto alla trasparenza e alla sicurezza. 

Adesso.sm

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com