Delegazione sammarinese a Malta per Incontro int. pace Israele-Palestinese

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Venerdì 12 e sabato 13 febbraio si sono tenuti a Malta i lavori dell’Incontro Internazionale a sostegno della pace Israeliano-Palestinese, organizzato dall’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo e dal Comitato delle Nazioni Unite per i Diritti Inalienabili del Popolo Palestinese.

    All’evento ha preso parte una delegazione consiliare sammarinese composta dai Consiglieri Matteo Fiorini e Mirco Tomassoni, che hanno avuto modo di osservare la situazione attuale in Medio Oriente attraverso le relazioni presentate.

    In apertura dei lavori, il messaggio del Segretario Generale dell’ONU Ban Ki-Moon ha fatto appello al rispetto del diritto internazionale e alla ripresa dei negoziati che portino al riconoscimento di Gerusalemme come capitale di due Stati, definiti sulla base dei confini stabiliti nel 1967.

    Il Vice Presidente del Comitato ONU per i Diritti Inalienabili del Popolo Palestinese, ha quindi evidenziato l’impegno dell’ONU per la cessazione degli atti di violenza ed ha presentato gli elementi chiave individuati dagli attori coinvolti per riprendere i processi di pace: confini, acqua, rifugiati, Gerusalemme, insediamenti,

    Tali elementi sono stati utilizzati nel dibattito come punti di partenza per proporre soluzioni durature ed accettabili da entrambe le parti. Le delegazioni partecipanti, il cui contributo è stato particolarmente sentito, pur nella differenza di opinioni hanno concordato sul fatto che la pace, necessaria per la stabilità in Medio Oriente, è prima di tutto il diritto delle persone che vivono nella regione.

    In particolare, i risultati dei lavori hanno evidenziato l’urgenza di riprendere i negoziati, di attuare gli obblighi della Road Map, l’importanza della protezione dei civili e della garanzia dei diritti umani tra cui la libertà di religione, la necessità di un uso più equo delle risorse, sottolineando il ruolo della comunità internazionale e l’esigenza di una cooperazione più efficace tra le organizzazioni parlamentari regionali.

    A margine della sessione, il Segretario Generale dell’Assemblea Parlamentare del Mediterraneo, Dott. Sergio Piazzi, ha richiesto un incontro bilaterale con i Consiglieri Fiorini e Tomassoni per chiedere a San Marino di valutare la possibilità di entrare a far parte di tale organismo come 26° Stato membro.

    La delegazione sammarinese ha manifestato l’interesse crescente del Paese per tutti quei contesti che favoriscono un dialogo e un confronto costruttivi su tematiche comuni. Un forum che si occupi in maniera specifica delle istanze di interesse per la regione mediterranea – hanno detto i Consiglieri Fiorini e Tomassoni – può rappresentare un’opportunità che l’Ufficio di Presidenza di San Marino esaminerà con attenzione, valutando, nel caso, anche il contributo che il nostro Stato potrebbe portare al dibattito su temi quali i cambiamenti climatici o il dialogo interculturale.

    Anche le Nazioni Unite hanno riconosciuto le grandi potenzialità di questa organizzazione che opera nel Mediterraneo dal 2006, accordando ad essa lo status di osservatore permanente ai lavori dell’Assemblea Generale dell’ONU e richiedendone la collaborazione per creare nuove forme di dialogo su tematiche, come questa, particolarmente delicate.