DIMESSO IL CLOCHARD DATO ALLE FIAMME ORA TORNA A RIMINI A FARSI CURARE

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Termina oggi il lungo calvario ospedaliero di Andrea Severi. Il senzatetto riminese dato alle fiamme nella notte tra il 10 e l’11 novembre da quattro giovani che, una volta arrestati, hanno detto di aver agito per divertimento, è stato dimesso dal Centro grandi ustionati di Padova e tornerà a Rimini per ricevere le ultime cure.

 

Il 46enne, originario di Taranto, aveva riportato ustioni di secondo e terzo grado sul 40% della superficie corporea. Particolarmente colpiti sono stati agli arti inferiori, ma anche al tronco, il volto, e le mani hanno subito gravi danni.

 
’’Ora le sue condizioni sono buone – ha dichiarato il prof. Bruno Azzena, responsabile del Centro padovano – e ne hanno consentito la dimissione. Il paziente è autonomo, deambula da solo ed è completamente autosufficiente’’. ‘’Rimangono solo delle piccole zone ancora da guarire – prosegue il medico – per le quali ho preferito appoggiarlo ad una struttura sanitaria ospedaliera di Rimini, dove sarà ricoverato per un certo periodo. Da lì – ha aggiunto – ci sarà quindi un’ interrelazione con i servizi sociali, tali da garantirgli una residenza: sarà comunque ancora seguito dal nostro Centro per l’evoluzione delle cicatrici’’.

 
Sostegno al senzatetto per un suo completo recupero, attraverso una assistenza medica sociale e relazione, era stato assicurato nel corso di visita a fine febbraio dall’assessore alle Politiche sociali del Comune di Rimini, Stefano Vitali.

  • WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com