“Diritti non negoziabili”. La foto invecchiata male di Schein con Panzeri

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Lo scandalo sulla sospetta corruzione del Parlamento europeo si sta allargando a macchia d’olio anche a seguito delle rivelazioni di uno degli arrestati che sta collaborando con gli investigatori. A quanto si apprende sarebbe Francesco Giorgi, ex collaboratore di Antonio Panzeri e ora assistente di Andrea Cozzolino, parlamentare del Pd esterno all’indagine. Il Qatargate coinvolge soprattutto la sinistra europea ma, in particolare, quella italiana, tanto che in Belgio di parla di “Italian job” o “Italian connection”.

    Antonio Panzeri è un esponente di spicco del Pd lombardo e, come ha fatto notare Gad Lerner a Cartabianca, difficilmente ci si dimenticherà il suo nome. Sembra essere lui, con la sua Ong, il cuore dello scandalo del Qatargate. Questa vicenda fa talmente male al Pd che non ci sono ancora stati commenti davvero ficcanti da parte degli esponenti dem: tra silenzi e frasi a mezza bocca, il Partito democratico è in forte imbarazzo. E lo è anche Elly Schlein, il nuovo che avanza o che il vecchio che torna, a seconda dei punti di vista. Quello che dovrebbe essere il volto del rinnovamento del Partito democratico, candidata alla segreteria del Pd e sostenuta dalla corrente di Dario Franceschini, è protagonista di uno scatto proprio in compagnia di Antonio Panzeri.

    A far circolare la foto è stata Susanna Ceccardi, europarlamentare della Lega, che ha condiviso sul suo profilo Twitter lo scatto di Elly Schlein con Antonio Cozzolino. Lo scatto sembra non essere particolarmente recente ma è impossibile datarlo con precisione. Entrambi sorreggono un cartello il cui slogan, tradotto, è: “I nostri diritti non sono negoziabili“. Una frase che suona grottesca alla luce di quanto sta emergendo col Qatargate in merito al coinvolgimento di Antonio Panzeri, al quale durante una perquisizione sono stati trovati in casa sacchi di banconote per centinaia di migliaia di euro. Inevitabile il commento sarcastico della stessa Ceccardi: “I nostri diritti non sono negoziabili… Per meno di 600mila euro“. Per quanto riguarda l’ex deputato europeo del Pd, come sottolinea l’eurodeputata della Lega, “foto invecchiate male“.


    Fonte originale: Leggi ora la fonte