Dominio giapponese a Misano Gara 1 a Spies, Rea trionfa in gara 2

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Ottavo successo per il pilota della Yamaha nella prima corsa: il texano ha battuto la Ducati di Byrne. Il britannico della Honda, invece, si è imposto nella seconda gara, vincendo il duello con l’altro pilota Ducati Michel Fabrizio

    Misano (Rimini), 21 giugno 2009 – Forti emozioni nel mondiale Suberbike in gara 1 sul circuito di Misano. Un’implacabile Ben Spies (Yamaha) ha vinto, raggiungendo così l’ottavo successo.

    Partiti tutti con gomme rain, a metà corsa i piloti, con la pista che andava asciugandosi, sono dovuti rientrare per cambiare moto e gomme. Ad approfittarne è stato il texano della Yamaha, che ha trovato subito il ritmo giusto per andare a vincere con un vantaggio di quasi otto secondo nei confronti di un ottimo Shane Byrne (Ducati).

    Avvincente duello per il terzo posto, con Michel Fabrizio (Ducati) bravo a resistere al perentorio ritorno di Jakub Smrz. Quinta posizione per il leader di campionato, Noriyuki Haga (Ducati), nel finale bravo a passare un positivo Yukio Kagayama (Suzuki).

    Decimo posto per l’esordiente Matthieu Lagrive (Honda), dietro a Shynia Nakano con l’Aprilia. Solo 13/o Max Biaggi (Aprilia), in difficoltà in queste condizioni di asfalto. Bella prestazione anche per Jonathan Rea, primo pilota Honda, partito in fondo allo schieramento e costretto a subire anche un ride-through.

    Il talento britannico, comunque, si è riscatto in gara 2, segando il suo primo successo nel mondiale Superbike. Rea ha vinto il corpo a corpo con Michel Fabrizio, duello che ha infiammato gli ultimi giri della corsa.

    Sul terzo gradino del podio è salito il leader della classifica Noriyuki Haga (Ducati), che ha sfruttato il mezzo passo falso di Ben Spies (Yamaha), solo nono per un problema tecnico, per riallungare in vetta. Ora il suo vantaggio è di 48 punti sul texano e di 55 punti sul compagno di squadra Fabrizio.

    Ancora un quarto posto per Jakub Smrz (Ducati) che, nel finale è riuscito a passare Carlos Checa (Honda) in crisi di gomme. Una buona prestazione per Shane Byrne (Ducati), che ha chiuso la gara al sesto posto. Prima Yamaha al traguardo quella di Tom Sykes, settimo davanti a Leon Haslam (Honda). In zona punti le Aprilia di Max Biaggi (decimo) e Shynia Nakano e le Suzuki di Kagayama e Nieto; fuori invece BMW (Xaus e Corser) e Kawasaki (Parkes e Hacking).

    Questa la classifica piloti dopo le due gare:

    Noriyuki Haga (Ducati) 292 punti
    Ben Spies (Yamaha) 244
    Michel Fabrizio (Ducati) 237
    Jonathan Rea (Honda) 167
    Max Biaggi (Aprilia) 135
    Leon Haslam (Honda) 134
    Tom Sykes (Yamaha) 130
    Carlos Checa (Honda) 109
    Jakub Smrz (Ducati) 108